Discussione:
Festa dell'Ascensione di Gesù !
(troppo vecchio per rispondere)
Lori
2004-05-22 09:39:59 UTC
Permalink
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:41:29 UTC
Permalink
"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:42:37 UTC
Permalink
"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:43:32 UTC
Permalink
"Friedrich" <***@tin.it> ha scritto nel messaggio news:hgFrc.227492$***@news3.tin.it...

"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:44:35 UTC
Permalink
"Friedrich" <***@tin.it> ha scritto nel messaggio news:hgFrc.227492$***@news3.tin.it...

"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:45:43 UTC
Permalink
"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:46:54 UTC
Permalink
"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:47:47 UTC
Permalink
"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-22 09:49:00 UTC
Permalink
"Lori" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@uni-berlin.de...
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
Cari amici, ho pensato di farci aiutare da Sant'Agostino a riflettere su
Gesù che dal giorno dell'Ascensione è in potenza e maestà alla destra
del Padre e nello stesso tempo è presente fisicamente in mezzo a noi e
in noi, come capo del Corpo mistico. Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
--------------
( Dai Discorsi di Sant'Agostino sull'Ascensione del Signore
ed. A.Mai,98,1-2; Plus 2, 494-495 )

-----------
<< Oggi nostro Signore Gesù Cristo è asceso al cielo. Con lui salga pure
il nostro cuore. Ascoltiamo l'apostolo Paolo che proclama:
"Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova
Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a
quelle della terra".
Come egli è asceso e non si è allontanato da noi, così anche noi già
siamo lassù con lui, benché nel nostro corpo non si sia ancora avverato
ciò che ci è promesso. Cristo è ormai esaltato al di sopra dei cieli, ma
soffre qui in terra tutte le tribolazioni che noi sopportiamo come sue
membra. Di questo diede assicurazione facendo sentire quel grido:
"Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?" E così pure: "Io ho avuto fame e
mi avete dato da mangiare". Perché allora anche noi non fatichiamo su
questa terra in maniera da riposare già con Cristo in cielo, noi che
siamo uniti al nostro Salvatore attraverso la fede, la speranza e la
carità? Cristo infatti, pur trovandosi lassù, resta anche con noi. E
noi, similmente, pur dimorando quaggiù, siamo già con lui. E Cristo può
assumenre questo comportamento in forza della sua divinità e
onnipotenza. A noi invece è possibile, non perché siamo esseri divini,
ma per l'amore che nutriamo per lui. Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. Infatti egli stesso dà testimonianza di
trovarsi lassù mentre era qui in terra:
Nessuno è mai salito al cielo fuorché colui che è disceso dal cielo, il
Figlio dell'uomo, che è in cielo!
Questa affermazione fu pronunciata per sottolineare l'unità tra lui
nostro capo e noi suo corpo. Quindi nessuno può compiere un simile atto
se non Cristo, perchè anche noi siamo lui, per il fatto che egli è il
Figlio dell'uomo per noi e noi siamo figli di Dio per lui...>>

Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Claudio Cava
2004-05-22 09:44:58 UTC
Permalink
Post by Lori
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
O___O

Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?

Ciao
Claudio
Francesca Galvani
2004-05-22 09:48:09 UTC
Permalink
Post by Claudio Cava
Post by Lori
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
O___O
Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?
perchè volete sempre farvi riconoscere :)

ciao
Fra
Claudio Cava
2004-05-22 09:51:41 UTC
Permalink
Post by Francesca Galvani
Post by Claudio Cava
O___O
Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?
perchè volete sempre farvi riconoscere :)
Ma se siamo il popolo piu' modesto del mondo! :-)

Baci
Claudio
Francesca Galvani
2004-05-22 09:54:49 UTC
Permalink
Post by Claudio Cava
Post by Francesca Galvani
Post by Claudio Cava
O___O
Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?
perchè volete sempre farvi riconoscere :)
Ma se siamo il popolo piu' modesto del mondo! :-)
rotfl

bacibaci
Fra
Inbario
2004-05-22 10:08:31 UTC
Permalink
Post by Claudio Cava
Post by Lori
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
O___O
Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?
Anni fa lo era anche in Italia poi è stata spostata alla prima Domenica
successiva per far lavorare di più gli italiani.
Claudio Cava
2004-05-22 10:12:05 UTC
Permalink
Post by Inbario
Post by Claudio Cava
Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?
Anni fa lo era anche in Italia poi è stata spostata alla prima Domenica
successiva per far lavorare di più gli italiani.
Ma guarda ....

Pensa un po' che qui e' opinione diffusa che le
studiate tutte per lavorare il meno possibile ....

^____^

Ciao
Claudio
Inbario
2004-05-22 10:13:22 UTC
Permalink
Post by Claudio Cava
Post by Inbario
Post by Claudio Cava
Come mai qui in Svizzera e' stata giovedi'?
Anni fa lo era anche in Italia poi è stata spostata alla prima Domenica
successiva per far lavorare di più gli italiani.
Ma guarda ....
Pensa un po' che qui e' opinione diffusa che le
studiate tutte per lavorare il meno possibile ....
Infatti da un pò di anni i governi studiano come fare ad invertire la
tendenza.
Anolethron
2004-05-22 12:35:26 UTC
Permalink
Anche tu Lori, a stirare appena puoi.
Lori
2004-05-23 06:25:56 UTC
Permalink
Post by Anolethron
Anche tu Lori, a stirare appena puoi.
E tra una stirata e l'altra un post che inneggi a Gesù.
Ti saluto con affetto nello stesso Gesù che ti ama, che ci ama così come
siamo e non vede l'ora che ci decidiamo ad aprire gli occhi su Lui che è
la nostra Vita e su sua Madre che è la nostra Madre! Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Antonio Fanelli
2004-05-22 13:05:05 UTC
Permalink
Post by Lori
Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
Speri male.
--
We can't bring down the Senior Partners,
but for one bright, shining moment,
we can show them that they don't own us.
You need to decide for yourselves if that's worth dying for

per scrivere sostituire toto63.net a nelbuio.net
www.toto63.net
Lori
2004-05-23 06:31:50 UTC
Permalink
Post by Antonio Fanelli
Post by Lori
Spero che la mia iniziativa sia
gradita.
Speri male.
Ma quanto pessimismo! E perché?
La mia iniziativa è positiva.
E' solo il tuo pessimismo che è negativo.
Rimuovilo e vedrai che starai meglio.
Sempre con lo stesso affetto. Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Antonio Fanelli
2004-05-23 11:21:19 UTC
Permalink
Post by Lori
Post by Antonio Fanelli
Speri male.
Ma quanto pessimismo! E perché?
perché non essendo cristiano non me ne può fregare di meno.
Post by Lori
La mia iniziativa è positiva.
La tua iniziativa è, nel migliore dei casi, inutile; nella norma è
dannosa perché conferma l'imagine di arroganti pezzi di merda che ci
si è fatta dei cristiani.
Post by Lori
E' solo il tuo pessimismo che è negativo.
Qui non capisco il salto logico, ma ormai ci sono abituato.
--
We can't bring down the Senior Partners,
but for one bright, shining moment,
we can show them that they don't own us.
You need to decide for yourselves if that's worth dying for

per scrivere sostituire toto63.net a nelbuio.net
www.toto63.net
Sasaeanna
2004-05-22 13:19:03 UTC
Permalink
Post by Lori
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Cosa intendi per Cielo?
E mi fermo qui, poi faccio altre domande, se vuoi...
(...)
Post by Lori
Saluto tutti con affetto nel nostro Gesù e nella sua e nostra Madre
Ciao!!
Anna
Post by Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Lori
2004-05-23 07:25:13 UTC
Permalink
Post by Sasaeanna
Post by Lori
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Cosa intendi per Cielo?
E mi fermo qui, poi faccio altre domande, se vuoi...
Bella questa! Non me l'aspettavo. Tu vai sempre sul difficile!
Comincio a dirti subito quello che non intendo per "cielo" e cioè lo
spazio fisico in cui si muovono gli astri, la volta celeste ecc.. ecc..
Il cielo è solo una parte dell'universo; l'espressione "cielo e terra"
significa solo il cosmo che Dio ha tratto dal nulla, ha cioè creato col
suo solo pensare e dire: "Voglio!"
E ora proviamo a pensare al cielo come metafora. Quante volte ci
ritroviamo a usare il termine "cielo" solo per esprimere al massimo
grado la bellezza e il godimento che ci offre regolarmente il cielo sia
di giorno che di notte! Bene, nel linguaggio cristiano, "cielo" sta a
significare la situazione di felicità perfetta ed eterna in cui si
trovano tutti gli uomini salvati e uniti per sempre a Dio per mezzo di Gesù.

Anna, per ora mi fermo anch'io qui. Mi sto accorgendo che è tardi.
La domenica mattina una madre di famiglia cristiana che non sia
incosciente a quest'ora non può più rimanere davanti alla tastiera.
Ti saluto sempre con lo stesso affetto. Buona domenica a te e a tutta la
tua famiglia. Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Friedrich
2004-05-23 08:29:57 UTC
Permalink
Dopo aver acquistato incautamente
un appartamento al decino piano
da un'agenzia immobiliare priva di scrupoli,
il povero Gesù ha dovuto sobbarcarsi interamente
le spese per la costruzione dell'ascensore
usato per portarlo al decimo piano.
Dopo infinite liti condominiali
e cause nei confronti dell'agenzia immobiliare
il povero Cristo ha deciso di sobbarcarsi,
con grandi sacrifici economici,
l'intera spesa per la costruszione
dell'impianto dell'ascensore.
Dopo una vicenda pluriennale,
costellata di cause,muti in banca
e grossi sacrifici economici,
il povero Cristo ha infine concluso
la costruzione dell'impianto.
Per festeggiare la fine di questa interminabile vicenda,
e per togliersi una soddisfazione
di fronte a tutto il condominio,
il Gesù celebreà oggi alle ore 14:00
la Festa dell'Ascensore,
allo scopo di inaugurare il nuovo impianto,
che tanta fatica e tanti soldi gli è costato.
INTERVENITE TUTTI.
23/5/2004 ORE 14:00
Friedrich
2004-05-23 08:32:06 UTC
Permalink
Dopo aver acquistato incautamente
un appartamento al decino piano
da un'agenzia immobiliare priva di scrupoli,
il povero Gesù ha dovuto sobbarcarsi interamente
le spese per la costruzione dell'ascensore
usato per portarlo al decimo piano.
Dopo infinite liti condominiali
e cause nei confronti dell'agenzia immobiliare
il povero Cristo ha deciso di sobbarcarsi,
con grandi sacrifici economici,
l'intera spesa per la costruszione
dell'impianto dell'ascensore.
Dopo una vicenda pluriennale,
costellata di cause,muti in banca
e grossi sacrifici economici,
il povero Cristo ha infine concluso
la costruzione dell'impianto.
Per festeggiare la fine di questa interminabile vicenda,
e per togliersi una soddisfazione
di fronte a tutto il condominio,
il Gesù celebreà oggi alle ore 14:00
la Festa dell'Ascensore,
allo scopo di inaugurare il nuovo impianto,
che tanta fatica e tanti soldi gli è costato.
INTERVENITE TUTTI.
23/5/2004 ORE 14:00
Sasaeanna
2004-05-23 09:35:28 UTC
Permalink
Post by Lori
Post by Sasaeanna
Cosa intendi per Cielo?
E mi fermo qui, poi faccio altre domande, se vuoi...
Bella questa! Non me l'aspettavo. Tu vai sempre sul difficile!
;-) diciamo sul metafisico che comunque nasce dalla materia ...e
approfondimento di parole viste da tale "posizione"
Post by Lori
Comincio a dirti subito quello che non intendo per "cielo" e cioè lo
spazio fisico in cui si muovono gli astri, la volta celeste ecc.. ecc..
Ma anche fisicamente il cielo non è solo li'..comunque andiamo al concetto
di Cielo.
Post by Lori
Il cielo è solo una parte dell'universo; l'espressione "cielo e terra"
Quel cielo è anche qui...come lo è quello metafisico.
Post by Lori
significa solo il cosmo che Dio ha tratto dal nulla,
Vabbè poi andiamo a questo...

ha cioè creato col
Post by Lori
suo solo pensare e dire: "Voglio!"
Aspè...
Post by Lori
E ora proviamo a pensare al cielo come metafora. Quante volte ci
ritroviamo a usare il termine "cielo" solo per esprimere al massimo
grado la bellezza e il godimento che ci offre regolarmente il cielo sia
di giorno che di notte! Bene, nel linguaggio cristiano, "cielo" sta a
significare la situazione di felicità perfetta ed eterna in cui si
trovano tutti gli uomini salvati e uniti per sempre a Dio per mezzo di Gesù.
Questo secondo i cattolici.
Carino!
Secondo me il Cielo ( in senso metafisico) sta ad indicare una certa
elevatezza da uno stato di non conoscenza a quello di conoscenza (
conoscenza intesa non come sapere mondano ma come raggiungimento della
conoscenza dell'esserci quale parte di ciò che è Essere)
raggoingimento tramite la liberazione da modi di essere che separano
dall'Essere.
Praticamente quello che dici più o meno tu, con la differenza che tu
continui a vedere un Dio separato ed io un Dio che * in realtà è UNO* con
tutto ciò che esiste ( compreso gli umani logicamente) e da cui l'umano per
*non conoscenza* o incoscienza, continua a staccarsi perchè sotto un modo di
essere che divide fin da quando tale *modo* ha preso potere sull'Umanità.

Per riassumere: Dio E' l'Essere ( tutto ciò che esiste, compresi gli umani,
e tutte le altre "forme" esistenti che lo "formano) ma l'umano se ne separa
facendosi altro e immaginando Dio come l'umano stesso si separa da tale
contesto unitario UNO.
Praticamente l'umano, separato da quel modo di pensare divisore, immagina un
dio separato e continua a perseverare ad essere separtato da tale unità.
In questo modo egli ( l'umano) credendosi umile, non fa che proiettare
l'immagine del suo ego, che in realtà è talmente orgoglioso da immaginare
che Dio sia orgoglioso quanto l'ego stesso innalzandosi e facendosi altro da
tutto ciò che esiste.
L'immagine di tale dio ( o proiezione dell'ego che si separa da un unico
contesto) è semplicemente quell'errore originale commesso dagli umani che
sono restati ad uno stato di non evoluzione conoscitiva e chi persevera a
mantenere tale immagine resta in tale stato e non raggiunge quel Cielo che è
la conosapevolezza dell'unità di tutto ciò che esiste ed è Essere.
Post by Lori
Anna, per ora mi fermo anch'io qui.
Un passetto alla volta è meglio.

Mi sto accorgendo che è tardi.
Post by Lori
La domenica mattina una madre di famiglia cristiana che non sia
incosciente a quest'ora non può più rimanere davanti alla tastiera.
Dai...non incominciamo a fare i giudici ;-)
Ognuno ha il tempo che può, magari c'è chi si organizza in un modo e chi
inun altro.
Post by Lori
Ti saluto sempre con lo stesso affetto. Buona domenica a te e a tutta la
tua famiglia.
Ricambio la buona domenica!

Lori

Anna
Post by Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Sasaeanna
2004-05-23 09:36:39 UTC
Permalink
Post by Sasaeanna
Post by Lori
Post by Sasaeanna
Cosa intendi per Cielo?
E mi fermo qui, poi faccio altre domande, se vuoi...
Bella questa! Non me l'aspettavo. Tu vai sempre sul difficile!
;-) diciamo sul metafisico che comunque nasce dalla materia ...e
approfondimento di parole viste da tale "posizione"
Post by Lori
Comincio a dirti subito quello che non intendo per "cielo" e cioè lo
spazio fisico in cui si muovono gli astri, la volta celeste ecc.. ecc..
Ma anche fisicamente il cielo non è solo li'..comunque andiamo al concetto
di Cielo.
Post by Lori
Il cielo è solo una parte dell'universo; l'espressione "cielo e terra"
Quel cielo è anche qui...come lo è quello metafisico.
Post by Lori
significa solo il cosmo che Dio ha tratto dal nulla,
Vabbè poi andiamo a questo...
ha cioè creato col
Post by Lori
suo solo pensare e dire: "Voglio!"
Aspè...
Post by Lori
E ora proviamo a pensare al cielo come metafora. Quante volte ci
ritroviamo a usare il termine "cielo" solo per esprimere al massimo
grado la bellezza e il godimento che ci offre regolarmente il cielo sia
di giorno che di notte! Bene, nel linguaggio cristiano, "cielo" sta a
significare la situazione di felicità perfetta ed eterna in cui si
trovano tutti gli uomini salvati e uniti per sempre a Dio per mezzo di
Gesù.
Questo secondo i cattolici.
Carino!
Secondo me il Cielo ( in senso metafisico) sta ad indicare una certa
elevatezza da uno stato di non conoscenza a quello di conoscenza (
conoscenza intesa non come sapere mondano ma come raggiungimento della
conoscenza dell'esserci quale parte di ciò che è Essere)
raggoingimento tramite la liberazione da modi di essere che separano
dall'Essere.
Praticamente quello che dici più o meno tu, con la differenza che tu
continui a vedere un Dio separato ed io un Dio che * in realtà è UNO* con
tutto ciò che esiste ( compreso gli umani logicamente) e da cui l'umano per
*non conoscenza* o incoscienza, continua a staccarsi perchè sotto un modo di
essere che divide fin da quando tale *modo* ha preso potere sull'Umanità.
Per riassumere: Dio E' l'Essere ( tutto ciò che esiste, compresi gli umani,
e tutte le altre "forme" esistenti che lo "formano) ma l'umano se ne separa
facendosi altro e immaginando Dio come l'umano stesso si separa da tale
contesto unitario UNO.
Praticamente l'umano, separato da quel modo di pensare divisore, immagina un
dio separato e continua a perseverare ad essere separtato da tale unità.
In questo modo egli ( l'umano) credendosi umile, non fa che proiettare
l'immagine del suo ego, che in realtà è talmente orgoglioso da immaginare
che Dio sia orgoglioso quanto l'ego stesso innalzandosi e facendosi altro da
tutto ciò che esiste.
L'immagine di tale dio ( o proiezione dell'ego che si separa da un unico
contesto) è semplicemente quell'errore originale commesso dagli umani che
sono restati ad uno stato di non evoluzione conoscitiva e chi persevera a
mantenere tale immagine resta in tale stato e non raggiunge quel Cielo che è
la conosapevolezza dell'unità di tutto ciò che esiste ed è Essere.
Post by Lori
Anna, per ora mi fermo anch'io qui.
Un passetto alla volta è meglio.
Mi sto accorgendo che è tardi.
Post by Lori
La domenica mattina una madre di famiglia cristiana che non sia
incosciente a quest'ora non può più rimanere davanti alla tastiera.
Dai...non incominciamo a fare i giudici ;-)
Ognuno ha il tempo che può, magari c'è chi si organizza in un modo e chi
inun altro.
Post by Lori
Ti saluto sempre con lo stesso affetto. Buona domenica a te e a tutta la
tua famiglia.
Ricambio la buona domenica!
Lori
Anna
Post by Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Lori
2004-05-23 16:51:53 UTC
Permalink
Post by Sasaeanna
Post by Lori
...
...
...
...
Post by Lori
E ora proviamo a pensare al cielo come metafora. Quante volte ci
ritroviamo a usare il termine "cielo" solo per esprimere al massimo
grado la bellezza e il godimento che ci offre regolarmente il cielo sia
di giorno che di notte! Bene, nel linguaggio cristiano, "cielo" sta a
significare la situazione di felicità perfetta ed eterna in cui si
trovano tutti gli uomini salvati e uniti per sempre a Dio per mezzo di Gesù.
Questo secondo i cattolici.
Questa è la verità!
Post by Sasaeanna
Carino!
Ma hai capito bene quello che ho detto? Ripeto.
Nel linguaggio cristiano "cielo" sta a indicare la situazione di
felicità perfetta ed eterna conseguita da tutti gli uomini della terra
di ogni tempo e di ogni luogo che si sono lasciati salvare da Gesù.
Vuoi ora sapere chi sono i salvati da Gesù? Quante volte l'ho detto!
Te lo ripeto, perché ti voglio bene. I salvati sono sia coloro che hanno
accolto Gesù nella loro vita e si sono impegnati con coerenza a
soddisfare le sue esigenze di santità e di amore sia coloro che, senza
loro colpa personale, non hanno avuto modo di conoscere Gesù nella sua
vera identità di Uomo-Dio, di unico Signore e Salvatore del mondo, ma
sono vissuti seguendo con umiltà e sincerità la loro coscienza e quindi
sono riusciti ad ascoltare lo stesso Gesù che, Verbo di Dio, Parola
eterna, non ha mai cessato e mai cesserà di far sentire forte e chiaro
in ogni uomo, il suo messaggio di amore per Dio e per il prossimo.
Post by Sasaeanna
Secondo me il Cielo ( in senso metafisico) sta ad indicare una certa
elevatezza ....
........
Ed è proprio per questa "elevatezza" del cielo rispetto alla terra che
tutti i popoli hanno visto nel cielo la sede della divinità.
Nella stessa Bibbia leggiamo
"Il Signore ha stabilito nel cielo il suo trono e il suo regno abbraccia
l'universo" (Sal 103, 19)
Sono tantissimi i passi che ci fanno vedere Dio che dall'alto del cielo,
circondato dalla sua corte e dalle sue schiere di angeli, guida i
destini degli uomini. Ma già l'AT demitizza queste immagini quando dice
che né la terra né il cielo sono in grado di contenere Dio. Sono belle
le parole di Salomone al riguardo, ma ora non sono in grado di
rintracciarle. Questa "elevatezza", come dici tu, che a mio parere è
sinonimo di trascendenza, l'uomo l'ha intuita piuttosto presto con la
sua sola intelligenza. Solo Dio però, poteva rivelarci che Egli è, sì
trascendente, altro, ben altro, ben distinto da ciò che ha creato, ma
anche tanto vicino a tutto ciò che ha creato, in particolare a noi.
Post by Sasaeanna
Praticamente quello che dici più o meno tu, con la differenza che tu
continui a vedere un Dio separato ed io un Dio che * in realtà è UNO* con
tutto ciò che esiste ( compreso gli umani logicamente) e da cui l'umano per
*non conoscenza* o incoscienza, continua a staccarsi perchè sotto un modo di
essere che divide fin da quando tale *modo* ha preso potere sull'Umanità.
E' da parecchio ormai che abbiamo preso coscienza delle nostre
divergenze! Ma a forza di confrontarci come buone amiche alla fine
concorderemo su tutto.
Post by Sasaeanna
Post by Lori
Anna, per ora mi fermo anch'io qui.
Un passetto alla volta è meglio.
E un passetto dietro l'altro arriveremo a scoprire e a vivere la verità
tutta intera. Ti saluto sempre con lo stesso affetto in Gesù e nella sua
e nostra Madre. Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Khaine
2004-05-23 17:55:01 UTC
Permalink
Post by Lori
Post by Sasaeanna
Questo secondo i cattolici.
Questa è la verità!
La verita' secondo i cattolici, secondo molti altri no.

Ciao,
Andrea
Sasaeanna
2004-05-24 07:43:33 UTC
Permalink
Post by Lori
Post by Sasaeanna
Post by Lori
E ora proviamo a pensare al cielo come metafora. Quante volte ci
ritroviamo a usare il termine "cielo" solo per esprimere al massimo
grado la bellezza e il godimento che ci offre regolarmente il cielo sia
di giorno che di notte! Bene, nel linguaggio cristiano, "cielo" sta a
significare la situazione di felicità perfetta ed eterna in cui si
trovano tutti gli uomini salvati e uniti per sempre a Dio per mezzo di Gesù.
Questo secondo i cattolici.
Questa è la verità!
Vabbè, buona notte!
Post by Lori
Post by Sasaeanna
Carino!
Ma hai capito bene quello che ho detto?
:-)))

(...)
Post by Lori
E' da parecchio ormai che abbiamo preso coscienza delle nostre
divergenze! Ma a forza di confrontarci come buone amiche alla fine
concorderemo su tutto.
Lori..perchè non cerchi di accettare che anche gli altri possono darti
qualcosa e che tu non sei la più *ricca* di tutti? Perchè proprio il
crederti tale ti rende chiusa e miserabile.
Post by Lori
Post by Sasaeanna
Post by Lori
Anna, per ora mi fermo anch'io qui.
Un passetto alla volta è meglio.
E un passetto dietro l'altro arriveremo a scoprire e a vivere la verità
tutta intera
Ma tu credi di avere tutta la verità, lo dichiari già all'inizio del
dialogo, quindi come si può dialogare con te? Credi di avere la verità
assoluta e questo ti rende chiusa a qualsiasi discorso costruttivo con il
quale ci si arricchierebbe entrambi...tu credi di essere già ricca...di non
avere più niente da conoscere..questo è orgoglio cara Lori.
Io ti sto ponendo delle domande per cercare di vedere cosa ho da imparare
anche da te, e cercando di darti anche io qualcosa, ma tu, credendoti in
possesso di una verità assoluta, in realtà, non fai che chiuderti ad un
dialogo costruttivo.



. Ti saluto sempre con lo stesso affetto in Gesù e nella sua
Post by Lori
e nostra Madre. Lori
Buon giorno con umanità ;-)
Anna
Post by Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
Apache
2004-05-25 19:40:30 UTC
Permalink
Post by Sasaeanna
Buon giorno con umanità ;-)
Anna
Post by Lori
--
Home Page : http://digilander.iol.it/Marialoreta/
a.cignini
2004-05-22 21:56:06 UTC
Permalink
Post by Lori
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di Gesù al Cielo.
Abbiamo disogno tutti
Non so se *tutti* ne sentano il bisogno.
I cristiani pero' hanno il mandato di annunciarlo a *tutti*.
Non so se *tutti* i cristiani lo sentano impellente.
Non so se quelli che lo sentono impellente ne soppesino (per prudenza e non
per vilta') l'opportunita' vs il rischio di offrire margherite a persone che
non sono (o non sono ancora) in grado di apprezzare le margarite.
Con questi dubbi e in attesa di eventuali reazioni, lascio il crosspost.
Post by Lori
ogni tanto di distogliere la nostra attenzione da
questo nostro povero mondo e volgerla alla felice destinazione finale
per cui siamo stati pensati, creati e redenti.
Anche filosofi e atei sanno che questa destinazione finale e' appunto uno dei
punti cardinali dei cristiani come Pascal, S. Agostino, Blondel..., i quali, a
partire dal bisogno di felicita' e pienezza di vita, vedevano proprio nel Dio
del cristianesimo il mezzo e il fine per realizzarlo.
Ma sanno anche di altri filosofi e poeti che lo negano decisamente e anche
rabbiosamente (soprattutto per lo scandalo delle tribolazioni).
Post by Lori
Gesù è tornato come Uomo e come Dio nella sua sede ufficiale a
prepararci un posto. Contemplare la sua gloria significa quindi
contemplare anche la nostra gloria eterna.
In quel *nostra* sono inclusi anche atei e non cristiani che hanno dato da
mangiare e da bere e hanno visitato e sollevato ammalati e disgraziati di
questo mondo, povero ed effimero, ma anche, potenzialmente ricco e
migliorabile.
Post by Lori
Ma il nostro regnare per sempre "come dei" con Gesù nella gloria esige,
durante la breve sosta terrena, la nostra libera decisione di
appartenere senza riserve allo stesso Gesù, per consentirgli di vivere,
pensare, volere, agire, amare in noi!
La nostra libera decisione puo' andare in effetti in due direzioni opposte nei
confronti di questa proposta che il Cristo e i cristiani fanno,
tendenzialmente, a *tutti*. C'e' chi la rifiuta come follia, alienazione,
attentato alla liberta' di iniziativa esistenziale dell'individuo. Ma c'e'
anche S. Francesco che l'ha presa alla lettera e radicalmente. Come viva da
"dio" in Paradiso ce l'ha detto Dante. Ma anche nella storia, imo, e' restato
ed e' ricordato proprio per questa sua decisione di vita. A differenza di
tanti ricchi mercanti di cui non rimane memoria.

Chi, gia' in vita, *ascende* come S. Francesco, trova poi naturale anche
abbracciare il lebbroso.
Post by Lori
...<< Egli non abbandonò il cielo,
discendendo fino a noi; e nemmeno si è allontanato da noi quando di
nuovo è salito al cielo. ...>>
Trovo sempre interessante tradurre il concetto di Ascensione come un semplice
passare poco piu' la', dopo il cadere dell'impercettibile "muro d'ombra", come
da signature.

Un caro saluto

----------------
a.cignini

"E il cuore quando d'un ultimo battito
Avrà fatto cadere il muro d'ombra,
Per condurmi, Madre, sino al Signore,
Come una volta mi darai la mano" (Ungaretti, La madre 1930).
Friedrich
2004-05-25 18:09:26 UTC
Permalink
in tal caso preparatevi anche a qualche
"Cristo ? no grazie"
espresso magari in modi piu' immediati.
E' nel conto. In tal caso un evangelizzatore che ha deciso, soppesando
prudenza e vilta', di andare come pecora tra i lupi, (...)
non "pecora tra i lupi"
ma bensi' come piazzista/imbonitore in cerca di clienti.

"no grazie. la vostra merce non mi interessa"

MaurodiArcisate
Friedrich
2004-05-25 18:10:36 UTC
Permalink
in tal caso preparatevi anche a qualche
"Cristo ? no grazie"
espresso magari in modi piu' immediati.
E' nel conto. In tal caso un evangelizzatore che ha deciso, soppesando
prudenza e vilta', di andare come pecora tra i lupi, (...)
non "pecora tra i lupi"
ma bensi' come piazzista/imbonitore in cerca di clienti.

"no grazie. la vostra merce non mi interessa"

MaurodiArcisate
Friedrich
2004-05-25 18:12:18 UTC
Permalink
in tal caso preparatevi anche a qualche
"Cristo ? no grazie"
espresso magari in modi piu' immediati.
E' nel conto. In tal caso un evangelizzatore che ha deciso, soppesando
prudenza e vilta', di andare come pecora tra i lupi, (...)
non "pecora tra i lupi"
ma bensi' come piazzista/imbonitore in cerca di clienti.

"no grazie. la vostra merce non mi interessa"

MaurodiArcisate
Lou Pirlu
2004-05-24 18:55:46 UTC
Permalink
Cari amici, domani è la bella festa dell'Ascensione di > Gesù al Cielo.
e 'sti cazzi?
Continua a leggere su narkive:
Loading...