Discussione:
dei poveri disperati mentecatti ed ossessi pipparoli mentali di ICFM...
(troppo vecchio per rispondere)
Animale terreno consapevole
2005-01-17 09:57:28 UTC
Permalink
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali
terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)
Animale terreno consapevole
2005-01-17 09:58:53 UTC
Permalink
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali
terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)
Joaquim
2005-01-17 10:59:13 UTC
Permalink
"Animale terreno consapevole" <***@tin.it> ha scritto nel
messaggio news:x%LGd.417159$***@news3.tin.it...
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali
terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)
Joaquim
2005-01-17 11:00:49 UTC
Permalink
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali
terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)
Joaquim
2005-01-25 09:05:09 UTC
Permalink
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)
Joaquim
2005-01-25 09:05:12 UTC
Permalink
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)
Joaquim
2005-01-25 09:07:31 UTC
Permalink
L'essere umano è un animale terreno esattamente come tutti gli altri.
Nasce,vive,muore ed è guidato dagli stessi istinti degli altri animali.
Questo è ovvio ed evidente a chiunque guardi se steeo in modo concreto e
realistico,e si rapporti,sempre in modo concreto e realistico,agli altri
animali terreni.
La differenza tra l'animale terreno Homo Sapiens Sapiens e gli altri animali
terreni sta tutta lnella evoluzione dell'organo cerebrale.
La specie umana si è evoluta e caratterizzata per questa specificità,cioè
per un'evoluzione cerbrale che ha fatto del cervello e dell'uso del cervello
lo
strumento peculiare di sopravvivenza dell'animale terreno Homo Sapiens
Sapiens.
Nel corso dei millenni il cervello della specie si è evoluto in modo
assolutamente superiore a quello degli altri animali terreni ed ha fornito
delle
straordinarie capacità di comprensione della realtà terrena e
conseguentemente
di gestione della realtà terrena ai fini della popria esistenza.

L'altra faccia della medaglia di questa evoluzione cerebrale è stata la
consapevolezza della realtà della propria vita e della propria morte.
Le altre specie viventi vivono,si nutrono,si accoppiano e si riproducono
seguendo esclusivamente il proprio istinto di sopravvivenza.
L'animale terreno consapevole Homo sapiens Sapiens anche,ma in più ha la
consapevolezza della realtà della propria vita,e,soprattutto,della propria
morte,espressione naturale dell'uso del proprio cervello evoluto.
Questa consapevolezza,frutto dell'evoluzione cerebrale della specie,ha
prodotto al suo apparire delle conseguenze che avrebbero potuto essere
fatali
per la specie.
Immaginate l'apparire della consapevolezza della propria morte in una specie
vivente che è guidata esclusivamente dal proprio istinto di sopravvivenza.

MENTRE TUTTO DENTRO DI TE TI SPINGE A SOPRAVVIVERE E RIPRODURTI,
IL TUO CERVELLO TI DICE CHE LA TUA ESISTENZA E' DESTINATA ALLA MORTE.

Appare assolutamente immaginabile l'effetto devastante che questa
consapevolezza apportò a questa specie vivente.
L'angoscia derivante dalla consapevolezzaella propria morte
RISCHIAVA DI COMPROMETTERE
lo stesso funzionamento dell'istinto di sopravvivenza della specie,e di
conseguenza la sopravvivenza stessa della specie.
La soluzione fu trovata dallo stesso cervello che aveva,per così dire,creato
il problema con la sua evoluzione.
Seguendo la sua funzione naturale ed istintiva di strumento di sopravvivenza
dell'organismo,parte dell'organismo e quindi al servisio dell'organismo,il
cervello umano
INVENTO' DELLE VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELLA REALTA'
che permettessero all'organismo vicente di superare quelle angosce che
avrebbero potuto
comprometterne la stessa esistenza.

E siccome le angosce derivavavno essenzialmente
DALLA CONSAPEVOLEZZA DELLA MORTE
il cervello umano inventò delle
VISIONI FANTASIOSE ED ALTERNATIVE DELL'ESISTENZA
CHE NEGASSERO IN QUALCHE MODO LA MORTE.

Nascono così DIO,L'ANIMA,LA VITA ETERNA,LE VARIE RELIGIONI
e tutte quelle visioni alternative e fantasiose della realtà della propria
esistenza che in
qualche modo negano la realtà della morte.

Purtroppo le conseguenze di queste INVENZIONI FANTASIOSE crearono
(e continuano a creare per alcuni) delel conseguenze per la porpia vita
ancora peggiori.
La conseguenza inevitabile di questo APPROCCIO FANTASIOSO ALLA REALTA'
fu naturalmente l'allontananmento dalla propria esistenza terrena ed
addirittura una
rinuncia all'uso del proprio cervello finalizato alla consocenza ed alla
comprensione della
realtà terrena per viverla in modo qualitativamente migliore.

IL CERVELLO UMANO,EVOLUTISI NEL CORSO DEI MILLENNI ALLO SCOPO DI
FORNIRE ALLA SPECIE UNO STRUMENTO POSSENTE DI CONOSCENZA,COMPRENSIONE
E GESTIONE DELLA REALTA' TERRENA VIENE PARADOSSALMENTE USATO IN SENSO
CONTRARIO,E CIOE' PER NON VEDERE LA REALTA',MA ANZI PER CANCELLARLA
ATTRAVERSO VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DI ESSA.

Inutile parlare delle conseguenze negative di questo approccio fantasioso al
reale,perchè esse sono assolutamente ed immediatamente percepibili da tutti.
Il cervello non viene più rivolto alla realtà terrena per osservarla,capirla
e comprenderla allo scopo di migliorare la qualità della vita terrena,ma
ASSURDAMENTE RIVOLTO
verso la costruzione di visioni alternatuive e fantasiose della realtà che
allonttanano sempre più
la specie dal suo habitat naturale,cioè quello terreno.
Nascono i deliri religiosi,la visione della Terra come valle di lacrime e/o
luogo di passaggio per giungere a deliranti mondi nell'aldilà in cui si
svolgerebbe la vera esistenza,
nasce la separazione dell'individuo e della sua sana e naturale unicità
corporale in una delirante
visione schizofrenica di se stessi come anima e corpo.nascono le concezioni
e le visioni
punitive del corpo e della vita terrena,e di delirio in delirio,si giunge
persino a rinunciare alla propria vita
terrena,l'unica esistente,in funzione di una presunta vita nell'aldilà in
cui si avranno beatitudine,gioie
ed altri deliri del genere,che mette addirittura l'individuo contro se
stesso ed il proprio corpo.

IL CERVELLO INVENTANDO QUESTE VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA
REALTA' DELL'ESISTENZA FINISCE PER ANDARE CONTRO LA STESSA SOPRAVVIVENZA
DELLA SPECIE,ALLONTANNADOSI DALLA TERRA,DALLA VITA TERRENA E DALLA
POSSIBILITA' DI VIVERE FELICEMENTE LA PROPRIA VITA.

Un delirio incredibile,nato dall'angoscia e dalla paura,come tutti i
deliri,di cui ora siamo consapevoli.
Sappiamo perchè questi deliri nascono nel nostro cervello e sappiamo fino a
che punto essi sono
pericolosi e dannosi per la nostra vita.
La consapevolezza di questo meccanismo psuicologico permetterà a tutti noi
animali terreni consapevoli appartenenti alla specie Homo Sapiens Sapiens di
avere uno strumento di
difesa definitivo ed indistruttibile contro i deliri dei nostri stessi
cervelli,che tenderebbero ad allontananrci
dalla nostra esistenza terrena,dalla nostra vita e dal nostro
corpo,permettendoci di vivere in modo
sano,naturale e gratificante il nostro corpo e la nostra esistenza terrena.

OGNI VOLTA CHE NEI VOSTRI CERVELLI AFFIORERANNO PENSIERI DELIRANTI
E VISIONI ALTERNATIVE E FANTASIOSE DELLA REALTA' SAPREE PERCHE' QUESTO
SUCCEDE,SAPRETE LA PERICoLOSITA' PER LA vOSTRA VITA DI QUEI PENSIERI E VE
NE TERRETE PERTANTO LONTANI ACCURATAMENTE PER DIFENDERE LA SALUTE
E LA FELICITA' DEL VOSTRO CORPO E DELLA VOSTRA VITA TERRENA.

Friedrich
(animale terreno e consapevole)

Continua a leggere su narkive:
Loading...