Discussion:
6000 milioni di euro al vaticano
(troppo vecchio per rispondere)
.Emc2
2008-10-08 13:03:12 UTC
6.000 MILIONI DI EURO NON
REGALIAMOLI PIU' AL VATICANO
Sono soldi dei cittadini italiani che ogni anno si intascano i preti.
Cancelliamo il Concordato col Vaticano. Lo Stato Italiano deve smetterla di
regalare milioni di euro a Ratzinger e alla sua cricca.
:
«Ma quando una lunga serie di abusi e malversazioni, volti invariabilmente a
perseguire lo stesso obiettivo, rivela il disegno di ridurre tutti gli
uomini all'assolutismo, è loro diritto, è loro dovere, rovesciare un
siffatto governo, e provvedere nuove garanzie alla sicurezza per
l'avvenire.» Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d'America, 4
luglio 1776.
:
di Ennio Montesi

E' giunta l'ora di incazzarsi oppure no? Ogni anno oltre 6.000 (seimila)
milioni di euro vengono regalati - re-ga-la-ti - dallo Stato Italiano allo
Stato Vaticano, cioè ai preti. In cambio di cosa? di niente. Ogni anno il
signor Joseph Ratzinger e la sua cricca di uomini in gonna, pizzi e merletti
si mettono in tasca - grazie al furbesco meccanismo dell'8x1000 - la
bellezza di 6.000 milioni di euro, nostri. I preti si pappano mezza
finanziaria di soldi che appartengono a tutti noi cittadini italiani. Si
tratta di un vero e grave sopruso e di una mancanza totale di rispetto, di
lealtà e di onestà verso gli italiani soprattutto verso tutti quelli che
sono angosciati dall'incubo delle rate del mutuo, dalle bollette da pagare,
dall'affitto di casa, dal lavoro precario, dalla disoccupazione e
dall'interminabile catena di incubi economici dalla quale non si arriva più
né a fine mese, né a mezzo mese.
:
Ed è anche naturale incazzarsi per l'affermazione cialtrona fatta dal signor
Ratzinger il 6 ottobre 2008 al sinodo. Ecco il ridicolo commento di
Ratzinger diffuso col solito suo accento tedesco e la sua faccia di bronzo:
"Nella crisi delle grandi banche scompaiono i soldi, ma non sono niente,
perché tutte le cose che sembrano vere in realtà sono di secondo ordine. Lo
ricordi chi costruisce la propria esistenza, solo sul successo, la carriera,
e i soldi". Dargli del faccia di bronzo probabilmente è poco, ma ognuno
sostituisca col termine che gli aggrada. Ci dobbiamo allora chiedere perché
il signor Ratzinger non rinunci ai nostri soldi dell'8x1000, ma anzi ogni
anno ce la meni a non finire con pubblicità martellante bussando a cassa, la
nostra cassa? Perché lui, il signor Ratzinger, non fa invece un atto di
coraggio, di lealtà e di onestà rinunciando al Concordato, quindi ai nostri
6.000 milioni di euro annui? Se qualcuno glielo volesse chiedere lo può
chiamare in Vaticano al numero
di telefono: 066982, tanto non ha nulla da fare. Per sfornare simili idiozie
non ci vuole alcuno studio speciale. Proprio quest'individuo medioevale
agghindato in cuffietta rossa, mantellina di ermellino, sciarpa ricamata
d'oro, scarpette di velluto, scettro intarsiato e patacche varie appese al
collo (come i personaggi infantili e disturbati delle favole di Andersen)
viene spudoratamente a darci lezione sull'inutilità dei soldi mentre l'altra
sua mano è già aperta, avida e su un dito spicca un anello d'oro grande come
una prugna. Ratzinger pretende, esige, vuole e si mette in tasca la somma
colossale di 6.000 milioni di euro di tutti noi italiani. Una specie di
super-pizzo di 6.000 milioni di euro che lo Stato Italiano, quindi tutti noi
italiani, gli dobbiamo dare senza fiatare e a tutti i costi. Ci vuole una
bella faccia da prete per dire quello che ha detto. E Ratzinger ce l'ha.
:
In concreto, come si fa a risparmiare questi 6.000 milioni di euro ogni anno
evitando di sprecarli e non farli entrare nelle tasche senza fondo dei
preti? Se esiste ancora uno straccio di parlamento italiano eletto dai
cittadini e un seppure miserevole governo e una seppure pietosa opposizione
la soluzione è semplicissima. Bastano pochi minuti e il problema è presto
risolto: cancellare il Concordato tra Stato Italiano e Vaticano. E'
sufficiente la cancellazione del Concordato e la banda del Vaticano non sarà
più mantenuta e foraggiata a spese di noi contribuenti italiani. Senza il
Concordato i 6.000 milioni di euro restano in tasca all'Italia e finalmente
con quei soldi ci si possono costruire scuole, ospedali, asili, istituti di
accoglienza per anziani, di cose da fare certo non mancano in questa Italia
alla canna del gas. Con tutti quei soldi si potrebbe dare vita ad almeno
altre due nuove compagnie aeree di bandiera italiana funzionanti e moderne
ogni anno. Altro che Alitalia! Ci
potremmo permettere altre Alitalie, sistemare le strade che fanno schifo,
fare funzionare i treni che fanno schifo e gli ospedali che fanno schifo.
:
Se ci aspettiamo che i volponi del Vaticano non pretendano più i nostri
6.000 milioni di euro significa che siamo un popolo di italioti e di
imbecilli. Il debito pubblico è altissimo, il recesso è in atto, le borse
tracollano, la crisi economica ci sta inondando come uno tsunami, le banche
falliscono e quelle che non falliscono fanno fallire le famiglie e i
pensionati, ma nonostante tutto, da mentecatti, continuiamo imperterriti e
testardi come muli a regalare 6.000 milioni di euro ogni anno agli stregoni
del Vaticano.
:
Sta a noi italiani esigere dallo Stato Italiano l'interruzione immediata del
super-pizzo di 6.000 milioni di euro annui cancellando il Concordato. Così
ci togliamo una volta per tutte questo cancro economico che ci assilla e fa
regredire la nostra economia. Se non siamo buoni ad ottenere questo semplice
atto dovuto, beh, allora significa che ci meritiamo ancora peggio di come
stiamo. E dobbiamo incazzarci solo con noi stessi.
:
Ennio Montesi
:
Questo testo è in regime di Copyleft: la pubblicazione e riproduzione è
libera e incoraggiata
parchè l'articolo sia riportato in versione integrale, con lo stesso titolo,
citando il nome dell'autore e riportando questa scritta.
:
Nella foto, lo scrittore Ennio Montesi, fondatore di Axteismo
:
Fonte: http://nochiesa.blogspot.com
Diffusione: Axteismo Press l'Agenzia degli Axtei, Atei e Laici
http://nochiesa.blogspot.com
:
Considerato l'attuale gravissimo stato di censura e di manipolazione delle
informazioni
da parte dei media, si invita alla massima pubblicazione e diffusione.
****
Richiedi gratis TUTTI i documenti disponibili, circa 60 mail,
in formato digitale scrivendo a:
***@yahoo.it
:
Axteismo, No alla chiesa, no alle religioni
Movimento Internazionale di Libero Pensiero
Dateci spazio in Tv per parlare e la Chiesa chiuderà bottega.
CerchiamoFondazione o Università che sostengano studi e attività
e Imprenditore-Editore che apra Tv satellitare libera.
Axteismo vive grazie alle vostre donazioni, certamente
sarà utile la tua piccola donazione di 25euro su PayPal
http://nochiesa.blogspot.com
Per lasciti testamentari e donazioni di altro tipo prendere contatto.
Leggi le news anche degli altri mesi,
per aderire e informazioni:
***@yahoo.it
tel. +39 3393188116
:
:
:
:
:
:



Axteismo Press l'Agenzia degli Axtei, Atei e Laici








ISCRIZIONE
Comunicati stampa inediti, articoli senza bavaglio e news diffusi ai
professionisti dell'informazione, mass media:
agenzie di stampa, network televisivi e radiofonici, redazioni di giornali,
giornalisti e organi di governo.
Chiunque desideri riceverle gratis è sufficiente che invii una mail a:
***@yahoo.it scrivendo: "INVIA NEWS"
CANCELLAZIONE
xxx
2008-10-08 14:11:19 UTC
Post by .Emc2
6.000 MILIONI DI EURO NON
REGALIAMOLI PIU' AL VATICANO
Sono soldi dei cittadini italiani che ogni anno si intascano i preti.
Cancelliamo il Concordato col Vaticano. Lo Stato Italiano deve smetterla
di regalare milioni di euro a Ratzinger e alla sua cricca.
«Ma quando una lunga serie di abusi e malversazioni, volti
invariabilmente a perseguire lo stesso obiettivo, rivela il disegno di
ridurre tutti gli uomini all'assolutismo, è loro diritto, è loro dovere,
rovesciare un siffatto governo, e provvedere nuove garanzie alla
sicurezza per l'avvenire.» Dichiarazione di Indipendenza degli Stati
Uniti d'America, 4 luglio 1776.
di Ennio Montesi
E' giunta l'ora di incazzarsi oppure no? Ogni anno oltre 6.000 (seimila)
milioni di euro vengono regalati - re-ga-la-ti - dallo Stato Italiano
allo Stato Vaticano, cioè ai preti. In cambio di cosa? di niente. Ogni
anno il signor Joseph Ratzinger e la sua cricca di uomini in gonna,
pizzi e merletti si mettono in tasca - grazie al furbesco meccanismo
dell'8x1000 - la bellezza di 6.000 milioni di euro, nostri.
Vabbè scrivi direttamente 6 miliardi di euro, almeno la gente si rende
conto della mazzata. Poi c'è qualcuno che ha anche il fegato di dire che
la chiesa non ha soldi.. Comunque tu puoi scegliere anche di non darli
alla chiesa ma allo stato ( http://www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/#03 )
C'è spiegato anche su wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Otto_per_mille#Ripartizione_del_gettito

Secondo te poi c'è solo l'8 x mille? Guarda qua:
http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamenti_alla_Chiesa_cattolica_in_Italia

Qui invece c'è una proposta di iniziativa popolare per dare l'8x1000
alla ricerca (scopo molto più nobile):
http://it.wikipedia.org/wiki/Otto_per_mille#Ripartizione_del_gettito

[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Post by .Emc2
I preti si
pappano mezza finanziaria di soldi che appartengono a tutti noi
cittadini italiani. Si tratta di un vero e grave sopruso e di una
mancanza totale di rispetto, di lealtà e di onestà verso gli italiani
soprattutto verso tutti quelli che sono angosciati dall'incubo delle
rate del mutuo, dalle bollette da pagare, dall'affitto di casa, dal
lavoro precario, dalla disoccupazione e dall'interminabile catena di
incubi economici dalla quale non si arriva più né a fine mese, né a
mezzo mese.
Ed è anche naturale incazzarsi per l'affermazione cialtrona fatta dal
signor Ratzinger il 6 ottobre 2008 al sinodo. Ecco il ridicolo commento
di Ratzinger diffuso col solito suo accento tedesco e la sua faccia di
bronzo: "Nella crisi delle grandi banche scompaiono i soldi, ma non sono
niente, perché tutte le cose che sembrano vere in realtà sono di secondo
ordine. Lo ricordi chi costruisce la propria esistenza, solo sul
successo, la carriera, e i soldi". Dargli del faccia di bronzo
probabilmente è poco, ma ognuno sostituisca col termine che gli aggrada.
Ci dobbiamo allora chiedere perché il signor Ratzinger non rinunci ai
nostri soldi dell'8x1000, ma anzi ogni anno ce la meni a non finire con
pubblicità martellante bussando a cassa, la nostra cassa? Perché lui, il
signor Ratzinger, non fa invece un atto di coraggio, di lealtà e di
onestà rinunciando al Concordato, quindi ai nostri 6.000 milioni di
euro annui? Se qualcuno glielo volesse chiedere lo può chiamare in
Vaticano al numero
di telefono: 066982, tanto non ha nulla da fare. Per sfornare simili
idiozie non ci vuole alcuno studio speciale. Proprio quest'individuo
medioevale agghindato in cuffietta rossa, mantellina di ermellino,
sciarpa ricamata d'oro, scarpette di velluto, scettro intarsiato e
patacche varie appese al collo (come i personaggi infantili e disturbati
delle favole di Andersen) viene spudoratamente a darci lezione
sull'inutilità dei soldi mentre l'altra sua mano è già aperta, avida e
su un dito spicca un anello d'oro grande come una prugna. Ratzinger
pretende, esige, vuole e si mette in tasca la somma colossale di 6.000
milioni di euro di tutti noi italiani. Una specie di super-pizzo di
6.000 milioni di euro che lo Stato Italiano, quindi tutti noi italiani,
gli dobbiamo dare senza fiatare e a tutti i costi. Ci vuole una bella
faccia da prete per dire quello che ha detto. E Ratzinger ce l'ha.
In concreto, come si fa a risparmiare questi 6.000 milioni di euro ogni
anno evitando di sprecarli e non farli entrare nelle tasche senza fondo
dei preti? Se esiste ancora uno straccio di parlamento italiano eletto
dai cittadini e un seppure miserevole governo e una seppure pietosa
opposizione la soluzione è semplicissima. Bastano pochi minuti e il
problema è presto risolto: cancellare il Concordato tra Stato Italiano e
Vaticano. E' sufficiente la cancellazione del Concordato e la banda del
Vaticano non sarà più mantenuta e foraggiata a spese di noi contribuenti
italiani. Senza il Concordato i 6.000 milioni di euro restano in tasca
all'Italia e finalmente con quei soldi ci si possono costruire scuole,
ospedali, asili, istituti di accoglienza per anziani, di cose da fare
certo non mancano in questa Italia alla canna del gas. Con tutti quei
soldi si potrebbe dare vita ad almeno altre due nuove compagnie aeree di
bandiera italiana funzionanti e moderne ogni anno. Altro che Alitalia! Ci
potremmo permettere altre Alitalie, sistemare le strade che fanno
schifo, fare funzionare i treni che fanno schifo e gli ospedali che
fanno schifo.
Se ci aspettiamo che i volponi del Vaticano non pretendano più i nostri
6.000 milioni di euro significa che siamo un popolo di italioti e di
imbecilli. Il debito pubblico è altissimo, il recesso è in atto, le
borse tracollano, la crisi economica ci sta inondando come uno tsunami,
le banche falliscono e quelle che non falliscono fanno fallire le
famiglie e i pensionati, ma nonostante tutto, da mentecatti, continuiamo
imperterriti e testardi come muli a regalare 6.000 milioni di euro ogni
anno agli stregoni del Vaticano.
Sta a noi italiani esigere dallo Stato Italiano l'interruzione immediata
del super-pizzo di 6.000 milioni di euro annui cancellando il
Concordato. Così ci togliamo una volta per tutte questo cancro economico
che ci assilla e fa regredire la nostra economia. Se non siamo buoni ad
ottenere questo semplice atto dovuto, beh, allora significa che ci
meritiamo ancora peggio di come stiamo. E dobbiamo incazzarci solo con
noi stessi.
Ennio Montesi
Questo testo è in regime di Copyleft: la pubblicazione e riproduzione è
libera e incoraggiata
parchè l'articolo sia riportato in versione integrale, con lo stesso titolo,
citando il nome dell'autore e riportando questa scritta.
Nella foto, lo scrittore Ennio Montesi, fondatore di Axteismo
Fonte: http://nochiesa.blogspot.com
Diffusione: Axteismo Press l'Agenzia degli Axtei, Atei e Laici
http://nochiesa.blogspot.com
Considerato l'attuale gravissimo stato di censura e di manipolazione
delle informazioni
da parte dei media, si invita alla massima pubblicazione e diffusione.
****
Richiedi gratis TUTTI i documenti disponibili, circa 60 mail,
Axteismo, No alla chiesa, no alle religioni
Movimento Internazionale di Libero Pensiero
Dateci spazio in Tv per parlare e la Chiesa chiuderà bottega.
CerchiamoFondazione o Università che sostengano studi e attività
e Imprenditore-Editore che apra Tv satellitare libera.
Axteismo vive grazie alle vostre donazioni, certamente
sarà utile la tua piccola donazione di 25euro su PayPal
http://nochiesa.blogspot.com
Per lasciti testamentari e donazioni di altro tipo prendere contatto.
Leggi le news anche degli altri mesi,
tel. +39 3393188116
Axteismo Press l'Agenzia degli Axtei, Atei e Laici
ISCRIZIONE
Comunicati stampa inediti, articoli senza bavaglio e news diffusi ai
agenzie di stampa, network televisivi e radiofonici, redazioni di
giornali, giornalisti e organi di governo.
CANCELLAZIONE
xxx
2008-10-08 14:20:28 UTC
Post by xxx
Qui invece c'è una proposta di iniziativa popolare per dare l'8x1000
http://85.37.183.5/8x1000/
Luca Fraggante
2008-10-08 19:17:52 UTC
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Eh?! Blah?!
L'UAAR non prende soldi da nessuno. Non riesce nemmeno a trovare una
sede a Roma come hanno gratuitamente o a prezzi agevolati decine di
associazioni inutili del cazzo (club degli amici della formaggetta, per
dire).
Chi si vuole associare all'UAAR (come ho fatto io) versa la sua quota di
25 Euro l'anno nella quale sono compresi 6 numeri della rivista che citi
(organo ufficiale d'informazione per i soci).
Io ne verso 50 di Euro, guarda un po' te, perché 25 in un anno con anche
la rivista mi sembrano davvero pochi.

Quello che fa l'UAAR è quello che molti vorrebbero facesse la CCAR: che
si mantenesse a spese proprie e dei suoi sostenitori.

Se in Italia ci si può sbattezzare legalmente (tutti, non solo i soci)
si deve dire grazie _solo_ all'UAAR.
Lo stesso per il supporto (anche legale con propri avvocati, se
necessario) che dà a tante persone che intraprendono "battaglie" contro
le istituzioni clericalizzate (messe in orari di lezione a scuola e
simili).
Questo vale anche per molte altre iniziative che probabilmente ignori.

Iscriviti alla newsletter se vuoi essere informato sull'attività
dell'UAAR (è gratis*, tranquillo)

Ciao.

* Disclaimer: i costi della connessione internet e del PC usato per
connetterti, nonché la corrente elettrica consumata, sono a tuo carico.

P.S.: Blah!
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
xxx
2008-10-09 08:01:10 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Eh?! Blah?!
L'UAAR non prende soldi da nessuno. Non riesce nemmeno a trovare una
sede a Roma come hanno gratuitamente o a prezzi agevolati decine di
associazioni inutili del cazzo (club degli amici della formaggetta, per
dire).
Chi si vuole associare all'UAAR (come ho fatto io) versa la sua quota di
25 Euro l'anno nella quale sono compresi 6 numeri della rivista che citi
(organo ufficiale d'informazione per i soci).
Io ne verso 50 di Euro, guarda un po' te, perché 25 in un anno con anche
la rivista mi sembrano davvero pochi.
Perchè la chiesa ti obbliga a essere cattolico? No.. Il principio è lo
stesso. Non ti obbliga, ma se ci fai parte in qualche modo paghi... Alla
chiesa l'8x1000 a UAAR una quota fissa l'anno.
Io penso che queste associazioni dovrebbero essere (e non voglio dire
cazzate) un di più di chi coloro che la fondano, in modo da non dover
chiedere denaro, perchè un lavoro comunque già lo tengono. Un conto poi
che io mi abbono alla rivista, un altro è che sono obbligato a pagare
per entrare un'associazione atea -.- è peggio della chiesa in questo
senso.. Almeno nella chiesa ci entro quando voglio e l'offerta non la
faccio mai :P
(Non critico comunque la somma che so 25€ all'anno.. capirai che
cifrone.. Ma critico il principio.. Una cosa è chiedere l'offerta, altra
è obbligare a pagare.. E' a scopo di lucro..)
Post by Luca Fraggante
Quello che fa l'UAAR è quello che molti vorrebbero facesse la CCAR: che
si mantenesse a spese proprie e dei suoi sostenitori.
Se in Italia ci si può sbattezzare legalmente (tutti, non solo i soci)
si deve dire grazie _solo_ all'UAAR.
E questo le fa onore.
Post by Luca Fraggante
Lo stesso per il supporto (anche legale con propri avvocati, se
necessario) che dà a tante persone che intraprendono "battaglie" contro
le istituzioni clericalizzate (messe in orari di lezione a scuola e
simili).
Questo vale anche per molte altre iniziative che probabilmente ignori.
Iscriviti alla newsletter se vuoi essere informato sull'attività
dell'UAAR (è gratis*, tranquillo)
Ciao.
* Disclaimer: i costi della connessione internet e del PC usato per
connetterti, nonché la corrente elettrica consumata, sono a tuo carico.
:D pensavo me la pagassero loro... :D
Post by Luca Fraggante
P.S.: Blah!
P.S.: Blah!
.Emc2
2008-10-09 08:24:11 UTC
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Eh?! Blah?!
L'UAAR non prende soldi da nessuno. Non riesce nemmeno a trovare una
sede a Roma come hanno gratuitamente o a prezzi agevolati decine di
associazioni inutili del cazzo (club degli amici della formaggetta, per
dire).
Chi si vuole associare all'UAAR (come ho fatto io) versa la sua quota di
25 Euro l'anno nella quale sono compresi 6 numeri della rivista che citi
(organo ufficiale d'informazione per i soci).
Io ne verso 50 di Euro, guarda un po' te, perché 25 in un anno con anche
la rivista mi sembrano davvero pochi.
Perchè la chiesa ti obbliga a essere cattolico? No.. Il principio è lo
stesso. Non ti obbliga, ma se ci fai parte in qualche modo paghi... Alla
chiesa l'8x1000 a UAAR una quota fissa l'anno.
Io penso che queste associazioni dovrebbero essere (e non voglio dire
cazzate) un di più di chi coloro che la fondano, in modo da non dover
chiedere denaro, perchè un lavoro comunque già lo tengono. Un conto poi
che io mi abbono alla rivista, un altro è che sono obbligato a pagare
per entrare un'associazione atea -.- è peggio della chiesa in questo
senso.. Almeno nella chiesa ci entro quando voglio e l'offerta non la
faccio mai :P
(Non critico comunque la somma che so 25€ all'anno.. capirai che
cifrone.. Ma critico il principio.. Una cosa è chiedere l'offerta, altra
è obbligare a pagare.. E' a scopo di lucro..)
sarai anche ateo ma a me sembri indottrinato dal
catechismo, e pure alla grande !!

vedo che non ti cè chiaro un concetto
tanto semplice quanto fondamentale:
nessuno ti obbliga a iscriverti alla UAAR mentre
sei obbligato a versare l'8 per mille

quel che è peggio è che parte delle tasse che
sei obbligato a pagare , se le paghi,
è destinata a mantenere gli insegnanti di religione
xxx
2008-10-09 08:48:13 UTC
Post by .Emc2
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Eh?! Blah?!
L'UAAR non prende soldi da nessuno. Non riesce nemmeno a trovare una
sede a Roma come hanno gratuitamente o a prezzi agevolati decine di
associazioni inutili del cazzo (club degli amici della formaggetta, per
dire).
Chi si vuole associare all'UAAR (come ho fatto io) versa la sua quota di
25 Euro l'anno nella quale sono compresi 6 numeri della rivista che citi
(organo ufficiale d'informazione per i soci).
Io ne verso 50 di Euro, guarda un po' te, perché 25 in un anno con anche
la rivista mi sembrano davvero pochi.
Perchè la chiesa ti obbliga a essere cattolico? No.. Il principio è lo
stesso. Non ti obbliga, ma se ci fai parte in qualche modo paghi... Alla
chiesa l'8x1000 a UAAR una quota fissa l'anno.
Io penso che queste associazioni dovrebbero essere (e non voglio dire
cazzate) un di più di chi coloro che la fondano, in modo da non dover
chiedere denaro, perchè un lavoro comunque già lo tengono. Un conto poi
che io mi abbono alla rivista, un altro è che sono obbligato a pagare
per entrare un'associazione atea -.- è peggio della chiesa in questo
senso.. Almeno nella chiesa ci entro quando voglio e l'offerta non la
faccio mai :P
(Non critico comunque la somma che so 25€ all'anno.. capirai che
cifrone.. Ma critico il principio.. Una cosa è chiedere l'offerta, altra
è obbligare a pagare.. E' a scopo di lucro..)
sarai anche ateo ma a me sembri indottrinato dal
catechismo, e pure alla grande !!
vedo che non ti cè chiaro un concetto
nessuno ti obbliga a iscriverti alla UAAR mentre
sei obbligato a versare l'8 per mille
Certo che non sono obbligato, ma se io volessi, dovrei pagare e per
cosa? Un conto sono le riviste, un altro l'iscrizione a
un'associazione.. Se voglio le riviste mi ci abbono..
Guarda che l'8x1000 puoi anche darlo allo stato invece che alla chiesa.
Ovvio che se la maggioranza scegli la chiesa, quelli prendono belle somme.
(Meglio che chiariamo un concetto: io schifo i soldi più di qualunque
altra cosa al mondo! Più anche della chiesa! E' uno strumento
credito-debito che incastra persone e popolazioni in una trappola
mortale! Se li hai sei un dio, se no sei una cacca e quell'unica vita
che hai la passerai a servire! E venirmi a dire che per entrare in
un'associazione devo pagare, perchè magari voglio essere più sicuro
anche io di passare a questa nuova "fede" e anche più convinto, beh mi
fa un pò rimanere male.)
Post by .Emc2
quel che è peggio è che parte delle tasse che
sei obbligato a pagare , se le paghi,
è destinata a mantenere gli insegnanti di religione
Beh colpa dello stato con i patti e pattini che si è messo a fare con
altri stati (il vaticano è uno stato!).. Siamo stati svenduti, che vuoi
farci? La gente è debole.. Sa che tutto va una me**a e nessuno fa casino
e si ribella.. Dovremmo essere un pò più francesi... Non ci emanciperemo
mai di questo passo!
Luca Fraggante
2008-10-09 12:09:13 UTC
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Eh?! Blah?!
L'UAAR non prende soldi da nessuno. Non riesce nemmeno a trovare
una sede a Roma come hanno gratuitamente o a prezzi agevolati
decine di associazioni inutili del cazzo (club degli amici della
formaggetta, per dire).
Chi si vuole associare all'UAAR (come ho fatto io) versa la sua
quota di 25 Euro l'anno nella quale sono compresi 6 numeri della
rivista che citi (organo ufficiale d'informazione per i soci).
Io ne verso 50 di Euro, guarda un po' te, perché 25 in un anno con
anche la rivista mi sembrano davvero pochi.
Perchè la chiesa ti obbliga a essere cattolico? No.. Il principio è
lo stesso. Non ti obbliga, ma se ci fai parte in qualche modo
paghi... Alla chiesa l'8x1000 a UAAR una quota fissa l'anno.
Non è assolutamente vero. L'8x1000 è 1/6 o meno dei soldi che vanno alla
CCAR. Inoltre vengono ripartiti anche i soldi di chi non esprime una
preferenza. Della cifra destinata allo stato, buona parte viene
destinata alla ristrutturazione di chiese o costruzione di canoniche p
altre cose che fanno rientrare i soldi nella disponibilità della CEI.

Dimostrami invece come l'UAAR ti abbia sottratto dei soldi in modo
analogo.
Post by xxx
Io penso che queste associazioni dovrebbero essere (e non voglio
dire cazzate) un di più di chi coloro che la fondano, in modo da
non dover chiedere denaro, perchè un lavoro comunque già lo
tengono.
Ma ragioni? Se fai l'hobbista in certe cose non farai mai un cazzo,
specialmente se hai contro quasi tutti, come noi non credenti. Quelli
che sono attivi nell'UAAR hanno un lavoro per vivere, e in più dedicano
il loro tempo anche per gli schifiltosi dei soldi come sei tu (aspetta
di doverteli guadagnare, li apprezzerai di più).

Diverso è associarsi a qualcosa che è solo su internet e magari su un
hosting gratuito (club della pastasciutta, clicca qui per iscriverti
GRATIS! Attività solciale? no, niente, cazzeggiamo sul forum).

Lo sai che tutti sono volontari in UAAR, compreso il segretario, e si
fanno un culo così assolutamente "a gratis".
I soldi raccolti vengono spesi per finalità legate all'associazione (se
si tirasse fuori uno stipendio, lo troverei giusto, anzi...)

Con che soldi paghi avvocati, consulenze, hosting, manifesti, bandiere,
campagne stampa, ecc.? Con lo stipendio dei 4 gatti che hanno fondato
l'UAAR? E gli altri come te danno manforte iscrivendosi gratuitamente...
e magari si vantano al bar che sono iscritti all'UAAR.
Me ne batto i coglioni se gli iscritti a gratis sarebbero 1 milione:
sono inutili, dal primo all'ultimo, come le petizioni online et similia.

Vedere commenti come i tuoi mi fa girare velocemente i coglioni, devo
ammettere.
Post by xxx
Un conto poi che io mi abbono alla rivista, un altro è che
sono obbligato a pagare per entrare un'associazione atea -.- è
peggio della chiesa in questo senso..
Alla sola rivista ti abboni a 15 Euro, o la trovi in alcuni negozi
(Feltrinelli), informati. Sui tuoi ipotetici 17 Euro l'UAAR incassa
quindi 2 Euro/anno... Non morire di fame, eh.
Post by xxx
Almeno nella chiesa ci entro
quando voglio e l'offerta non la faccio mai :P
E quindi?, Paghi per entrare nel sito Internet dell'UAAR? La sede fisica
non c'è ancora come forse saprai (se fosse per te non ci sarà mai), e la
sede legale è a casa di un socio. Se gli vai suonare alla porta sono
certo che ti faccia entrare gratis anche lui.
Post by xxx
(Non critico comunque la somma che so 25€ all'anno.. capirai che
cifrone.. Ma critico il principio.. Una cosa è chiedere l'offerta,
altra è obbligare a pagare.. E' a scopo di lucro..)
Nessuno ti obbliga a niente; sei non credente o quel che vuoi a gratis.
Evidentemente dovrebbe campare di aria, come fai tu immagino.
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Quello che fa l'UAAR è quello che molti vorrebbero facesse la
CCAR: che si mantenesse a spese proprie e dei suoi sostenitori.
Se in Italia ci si può sbattezzare legalmente (tutti, non solo i
soci) si deve dire grazie _solo_ all'UAAR.
E questo le fa onore.
E questo ha comportato impegno di persone e costi vari coperti dai soci,
a vantaggio di tutti gli atei/agnostici/laici che condividono gli scopi
UAAR (li conosci?).

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
xxx
2008-10-09 13:06:02 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
Eh?! Blah?!
L'UAAR non prende soldi da nessuno. Non riesce nemmeno a trovare
una sede a Roma come hanno gratuitamente o a prezzi agevolati
decine di associazioni inutili del cazzo (club degli amici della
formaggetta, per dire).
Chi si vuole associare all'UAAR (come ho fatto io) versa la sua
quota di 25 Euro l'anno nella quale sono compresi 6 numeri della
rivista che citi (organo ufficiale d'informazione per i soci).
Io ne verso 50 di Euro, guarda un po' te, perché 25 in un anno con
anche la rivista mi sembrano davvero pochi.
Perchè la chiesa ti obbliga a essere cattolico? No.. Il principio è
lo stesso. Non ti obbliga, ma se ci fai parte in qualche modo
paghi... Alla chiesa l'8x1000 a UAAR una quota fissa l'anno.
Non è assolutamente vero. L'8x1000 è 1/6 o meno dei soldi che vanno alla
CCAR. Inoltre vengono ripartiti anche i soldi di chi non esprime una
preferenza. Della cifra destinata allo stato, buona parte viene
destinata alla ristrutturazione di chiese o costruzione di canoniche p
altre cose che fanno rientrare i soldi nella disponibilità della CEI.
Dimostrami invece come l'UAAR ti abbia sottratto dei soldi in modo
analogo.
Forse non ci siamo capiti. Io sto contestando il fatto che per
iscriversi devo pagare. E' lo stesso con la chiesa (solo che non ti
obbliga). Vai in chiesa e durante la messa fai la tua offerta. Oppure
quando prendi un sacramento. Il prete non ti obbliga, ma chi non dà
qualcosa al prete?? L'UAAR invece se mi volessi iscrivere, mi chiede una
quota d'iscrizione -.-
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Io penso che queste associazioni dovrebbero essere (e non voglio
dire cazzate) un di più di chi coloro che la fondano, in modo da
non dover chiedere denaro, perchè un lavoro comunque già lo
tengono.
Ma ragioni? Se fai l'hobbista in certe cose non farai mai un cazzo,
specialmente se hai contro quasi tutti, come noi non credenti. Quelli
che sono attivi nell'UAAR hanno un lavoro per vivere, e in più dedicano
il loro tempo anche per gli schifiltosi dei soldi come sei tu (aspetta
di doverteli guadagnare, li apprezzerai di più).
Scusa ma i testimoni di geova come fanno? Vanno predicando e non penso
che vengono pagati per questo, visto che ce lo dice la religione. Poi
dove sto io una volta mi dissero pure che stavano "sotto". E potevano
pagare pure i predicatori?
Tu li ami i soldi invece vero?
Post by Luca Fraggante
Diverso è associarsi a qualcosa che è solo su internet e magari su un
hosting gratuito (club della pastasciutta, clicca qui per iscriverti
GRATIS! Attività solciale? no, niente, cazzeggiamo sul forum).
Lo sai che tutti sono volontari in UAAR, compreso il segretario, e si
fanno un culo così assolutamente "a gratis".
I soldi raccolti vengono spesi per finalità legate all'associazione (se
si tirasse fuori uno stipendio, lo troverei giusto, anzi...)
Hehe è proprio vero che in questo mondo ognuno è pronto a dare la vita
per la propria fede. Il cattolico per la chiesa, l'ateo per UAAR.
Post by Luca Fraggante
Con che soldi paghi avvocati, consulenze, hosting, manifesti, bandiere,
campagne stampa, ecc.? Con lo stipendio dei 4 gatti che hanno fondato
l'UAAR? E gli altri come te danno manforte iscrivendosi gratuitamente...
e magari si vantano al bar che sono iscritti all'UAAR.
E chi la conoscerebbe? Se pure lo dicessi? :D Io l'ho scoperta venendo
qua... :P
Questa è bella comunque.. Uno si vanta perchè iscritto a un
sito/associazione :D poi magari non fa un caxxo comunque è buono... Ma
come ragioni? Io giudico una persona dai fatti non dalle belle parole
che dice o dalle associazioni che dice di far parte. Se uno mi dice
"faccio parte dell'UAAR" in testa a me dico "vabbè.. ok.." poi devi
vedere sempre che ha fatto di importante.
Se poi tutti pensassero così, allora sai quanti soldi si dovrebbero
pagare su internet tra forum, chat, ecc. Pure per msn: ogni iscrizione
si paga. Ma per favore.
Post by Luca Fraggante
sono inutili, dal primo all'ultimo, come le petizioni online et similia.
Vedere commenti come i tuoi mi fa girare velocemente i coglioni, devo
ammettere.
Se acceleri un corpo, pari almeno il doppio del volume, verso di loro,
sulla Terra, si ha che si fermano.. Prova :D
scherzo cmq.. ;)
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Un conto poi che io mi abbono alla rivista, un altro è che
sono obbligato a pagare per entrare un'associazione atea -.- è
peggio della chiesa in questo senso..
Alla sola rivista ti abboni a 15 Euro, o la trovi in alcuni negozi
(Feltrinelli), informati. Sui tuoi ipotetici 17 Euro l'UAAR incassa
quindi 2 Euro/anno... Non morire di fame, eh.
Senti.. Allora mi sa che tu non capisci.. A me sai quanto mi frega della
spesa. Se sono ateo, lo sono io e non di certo perchè mi iscrivo
all'UAAR significa che ho avuto "la qualifica" di ateo. Non sto
contestando la cifra che è molto bassa anche dal mio punto di vista
(visto che ti danno pure la rivista), ma sto contestando il metodo. Non
mi puoi chiedere una cifra. Se l'associazione mi interessa, mi iscrivo e
decido io in base a quanto fa l'associazione, quanto dare. Può essere 1€
o 100€.
Neanche wikipedia che è una meta enciclopedia chiede un centesimo. Chi
vuole fa la sua offerta. Così uno si sente anche più invogliato ad
aprire il portafoglio, per quello che ha usato (tant'è che io ho donato
a wikipedia, proprio perchè lo so che l'ho sfruttato parecchio e che mi
sarebbe costato molto di più se avessi dovuto comprare un'enciclopedia,
quindi è meritato).
Ora che sto leggendo anche meglio, non è da escludere che un giorno mi
iscriva e sganci la cifra, visto (almeno teoricamente) dovrebbe
difendere il mio diritto; ma comunque rimane che non condivido il metodo.
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Almeno nella chiesa ci entro
quando voglio e l'offerta non la faccio mai :P
E quindi?, Paghi per entrare nel sito Internet dell'UAAR? La sede fisica
non c'è ancora come forse saprai (se fosse per te non ci sarà mai), e la
sede legale è a casa di un socio. Se gli vai suonare alla porta sono
certo che ti faccia entrare gratis anche lui.
Post by xxx
(Non critico comunque la somma che so 25€ all'anno.. capirai che
cifrone.. Ma critico il principio.. Una cosa è chiedere l'offerta,
altra è obbligare a pagare.. E' a scopo di lucro..)
Nessuno ti obbliga a niente; sei non credente o quel che vuoi a gratis.
Evidentemente dovrebbe campare di aria, come fai tu immagino.
Immagini male. Se c'è una cosa che accomuna più persone non c'è bisogno
di pagare. Per questo ng paghi?
Comunque come ti ho già detto io non sto contestando la cifra (che so
che non è niente visto che è rapportato ad un anno), ma sto contestando
il metodo di come lo fa. "Vuoi far parte degli atei, noi siamo l'unica
associazione e se vuoi entrare a farne parte devi pagare" mi sa tanto di
questo ragionamento.
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Quello che fa l'UAAR è quello che molti vorrebbero facesse la
CCAR: che si mantenesse a spese proprie e dei suoi sostenitori.
Se in Italia ci si può sbattezzare legalmente (tutti, non solo i
soci) si deve dire grazie _solo_ all'UAAR.
E questo le fa onore.
E questo ha comportato impegno di persone e costi vari coperti dai soci,
a vantaggio di tutti gli atei/agnostici/laici che condividono gli scopi
UAAR (li conosci?).
Ma guarda che l'UAAR potrebbe pure fare questo ragionamento: apre un bel
forum dove ovviamente ci vanno agnostici, atei e via dicendo. Poi in una
sezione fa una specie di sondaggio e dice per esempio: "Vogliamo
sbattezzarci?" tutti dicono si e l'associazione dice "Ok. Allora facendo
un preventivo ci servono XY €" Ognuno dice la sua disponibilità
all'admin per esempio, in modo da non violare la privacy di nessuno se
si raggiunge l'obiettivo ok, altrimenti non è possibile. Se poi ci sono
eventuali avanzi vanno in un fondo per obiettivi futuri. In questo modo
partecipano TUTTI gli atei attivamente e più democraticamente! E sarebbe
anche meglio penso, è più dinamica così.
Ciao.
Post by Luca Fraggante
Ciao.
Luca Fraggante
2008-10-09 22:53:41 UTC
Post by xxx
Senti.. Allora mi sa che tu non capisci.. A me sai quanto mi frega
della spesa. Se sono ateo, lo sono io e non di certo perchè mi
iscrivo all'UAAR significa che ho avuto "la qualifica" di ateo.
Esatto. Non è obbligatorio essere iscritti all'UAAR per essere atei, per
questo il tuo paragone UAAR/CCAR è sbagliato.
Post by xxx
Non
sto contestando la cifra che è molto bassa anche dal mio punto di
vista (visto che ti danno pure la rivista), ma sto contestando il
metodo. Non mi puoi chiedere una cifra.
Certo che posso chiedere una cifra, perché non potrei? Non sei mica
obbligato ad iscriverti!
Post by xxx
Ora che sto leggendo anche meglio, non è da escludere che un giorno
mi iscriva e sganci la cifra, visto (almeno teoricamente) dovrebbe
difendere il mio diritto; ma comunque rimane che non condivido il metodo.
E va bene, non condividere, ma è fastidiosa la tua esternazione di
schifo per un comportamento normale per un'associazione, e il paragone
sbagliato alla CCAR e ai suoi metodi, con tanto di "Blah!" finale.
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Nessuno ti obbliga a niente; sei non credente o quel che vuoi a
gratis. Evidentemente dovrebbe campare di aria, come fai tu
immagino.
Immagini male. Se c'è una cosa che accomuna più persone non c'è
bisogno di pagare.
L'essere non credente è diverso dall'essere socio UAAR. Mi risulta ci
siano soci credenti, tra l'altro. Per essere socio UAAR c'è una quota di
iscrizione. Mi sembra semplice, sensato, e comprensibile.

Io e te siamo non credenti "a gratis", ma io sono socio UAAR pagando una
quota di iscrizione (è anche questo che mi accomuna agli altri soci
UAAR).
Post by xxx
Per questo ng paghi?
Sì. Uso un newserver di qualità grazie al pagamento di 10 Euro l'anno.
Non sono obbligato, potrei usare quello del mio provider (che pago
comunque) o uno di quelli gratuiti, che funzionano abbastanza bene. Di
fatto uso tutte e tre le opportunità grazie ad hamster, e vedo la
differenza tra motzarella e co. e il server individual.net.
Post by xxx
Comunque [...] sto
contestando il metodo di come lo fa. "Vuoi far parte degli atei,
noi siamo l'unica associazione e se vuoi entrare a farne parte devi
pagare" mi sa tanto di questo ragionamento.
La frase tra virgolette è tua pura immaginazione. Iscriviti ad una delle
tante associazioni gratuite e risolvi il problema.
Post by xxx
Ma guarda che l'UAAR potrebbe pure fare questo ragionamento: apre
un bel forum dove ovviamente ci vanno agnostici, atei e via
dicendo.
Poi in una sezione fa una specie di sondaggio e dice per
esempio: "Vogliamo sbattezzarci?" tutti dicono si e l'associazione
dice "Ok. Allora facendo un preventivo ci servono XY €" Ognuno dice
la sua disponibilità all'admin per esempio, in modo da non violare
la privacy di nessuno se si raggiunge l'obiettivo ok, altrimenti
non è possibile. Se poi ci sono eventuali avanzi vanno in un fondo
per obiettivi futuri. In questo modo partecipano TUTTI gli atei
attivamente e più democraticamente! E sarebbe anche meglio penso, è
più dinamica così.
C'è anche il forum sul sito, ed è gratuito se ti interessa, e ci vanno
anche i credenti.
Quello che descrivi è un funzionamento amatoriale di una eventuale
associazione agli albori, ed è l'organizzazione che aveva l'UAAR
all'inizio, quando è nata quasi per scherzo. Si ritrovavano al bar
invece che su Internet.

Se però vuoi ottenere qualcosa non fai così. Anche Wikipedia ha una
organizzazione ben definita, così come l'hanno le aziende, gli stati, e
tutte le associazioni che vogliono raggiungere degli scopi sociali.

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
xxx
2008-10-10 08:17:35 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Senti.. Allora mi sa che tu non capisci.. A me sai quanto mi frega
della spesa. Se sono ateo, lo sono io e non di certo perchè mi
iscrivo all'UAAR significa che ho avuto "la qualifica" di ateo.
Esatto. Non è obbligatorio essere iscritti all'UAAR per essere atei, per
questo il tuo paragone UAAR/CCAR è sbagliato.
Sai allo stato attuale, essendo ancora in una fase cattolico->ateo non
ben finita e definita (un pò difficile cancellare anni e anni di
baggianate in 4 e 4 (=) 8.), avrei voluto testare la cosa :P peccato
però che costa 25€.. Un conto è iscriversi convinto, un altro è per
testare solamente e vedere se ne vale la pena.. Però fa niente.. Col
tempo.. :P
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Non
sto contestando la cifra che è molto bassa anche dal mio punto di
vista (visto che ti danno pure la rivista), ma sto contestando il
metodo. Non mi puoi chiedere una cifra.
Certo che posso chiedere una cifra, perché non potrei? Non sei mica
obbligato ad iscriverti!
Post by xxx
Ora che sto leggendo anche meglio, non è da escludere che un giorno
mi iscriva e sganci la cifra, visto (almeno teoricamente) dovrebbe
difendere il mio diritto; ma comunque rimane che non condivido il metodo.
E va bene, non condividere, ma è fastidiosa la tua esternazione di
schifo per un comportamento normale per un'associazione, e il paragone
sbagliato alla CCAR e ai suoi metodi, con tanto di "Blah!" finale.
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
Nessuno ti obbliga a niente; sei non credente o quel che vuoi a
gratis. Evidentemente dovrebbe campare di aria, come fai tu
immagino.
Immagini male. Se c'è una cosa che accomuna più persone non c'è
bisogno di pagare.
L'essere non credente è diverso dall'essere socio UAAR. Mi risulta ci
siano soci credenti, tra l'altro. Per essere socio UAAR c'è una quota di
iscrizione. Mi sembra semplice, sensato, e comprensibile.
:D soci credenti? E che ci fanno? La spina nel fianco? :P
vabbè ho capito.. se un giorno mi voglio iscrivere pago :P
Post by Luca Fraggante
Io e te siamo non credenti "a gratis", ma io sono socio UAAR pagando una
quota di iscrizione (è anche questo che mi accomuna agli altri soci
UAAR).
E proprio questo che volevo intendere... Si possono creare poi
discriminazioni... Perchè quando c'è un confronto poi viene uno e ti
rinfaccia pure che magari non stai iscritto all'UAAR e che sei un "mezzo
ateo"...
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Per questo ng paghi?
Sì. Uso un newserver di qualità grazie al pagamento di 10 Euro l'anno.
Non sono obbligato, potrei usare quello del mio provider (che pago
comunque) o uno di quelli gratuiti, che funzionano abbastanza bene. Di
fatto uso tutte e tre le opportunità grazie ad hamster, e vedo la
differenza tra motzarella e co. e il server individual.net.
Dai te ne suggerisco uno che puoi usare in un client di posta elettronica.
Server: news.tin.it
Porta: 119

Non si paga ed è molto buono.
Ma comunque la tua una scelta di pagare, non una costrizione per poter
scrivere qui. ;)
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Comunque [...] sto
contestando il metodo di come lo fa. "Vuoi far parte degli atei,
noi siamo l'unica associazione e se vuoi entrare a farne parte devi
pagare" mi sa tanto di questo ragionamento.
La frase tra virgolette è tua pura immaginazione. Iscriviti ad una delle
tante associazioni gratuite e risolvi il problema.
Post by xxx
Ma guarda che l'UAAR potrebbe pure fare questo ragionamento: apre
un bel forum dove ovviamente ci vanno agnostici, atei e via
dicendo.
Poi in una sezione fa una specie di sondaggio e dice per
esempio: "Vogliamo sbattezzarci?" tutti dicono si e l'associazione
dice "Ok. Allora facendo un preventivo ci servono XY €" Ognuno dice
la sua disponibilità all'admin per esempio, in modo da non violare
la privacy di nessuno se si raggiunge l'obiettivo ok, altrimenti
non è possibile. Se poi ci sono eventuali avanzi vanno in un fondo
per obiettivi futuri. In questo modo partecipano TUTTI gli atei
attivamente e più democraticamente! E sarebbe anche meglio penso, è
più dinamica così.
C'è anche il forum sul sito, ed è gratuito se ti interessa, e ci vanno
anche i credenti.
Quello che descrivi è un funzionamento amatoriale di una eventuale
associazione agli albori, ed è l'organizzazione che aveva l'UAAR
all'inizio, quando è nata quasi per scherzo. Si ritrovavano al bar
invece che su Internet.
Se però vuoi ottenere qualcosa non fai così. Anche Wikipedia ha una
organizzazione ben definita, così come l'hanno le aziende, gli stati, e
tutte le associazioni che vogliono raggiungere degli scopi sociali.
Ciao.
Si però se vogliamo essere precisi.. Wikipedia non chiede un centesimo..
Nè all'ingresso, nè all'iscrizione, nè all'uso, nè alla modifica o
creazioni di voci. E infatti quando ha chiesto donazioni ne ha presi di
soldi.

Vabbè comunque è chiara la situazione.. Se vuoi iscriverti paghi,
altrimenti magari ti segui il forum. Sto dando anche un pò di senso alla
cosa. Da come ho capito diventi socio in questo modo (infatti la mailing
list è riservata ai soli soci che immagino sono gli iscritti o sbaglio?)
.Emc2
2008-10-10 08:20:50 UTC
Post by xxx
E proprio questo che volevo intendere... Si possono creare poi
discriminazioni... Perchè quando c'è un confronto poi viene uno e ti
rinfaccia pure che magari non stai iscritto all'UAAR e che sei un "mezzo
ateo"...
ma che cazzo stai addì ?

io sono lo zoccolo duro dell'ateismo e non mi son
mai sognato di iscrivermi all'UAAR per la semplice
ragione che è legato a doppio filo al PCI e io
per principio sono a-politico
xxx
2008-10-10 09:51:44 UTC
Post by .Emc2
Post by xxx
E proprio questo che volevo intendere... Si possono creare poi
discriminazioni... Perchè quando c'è un confronto poi viene uno e ti
rinfaccia pure che magari non stai iscritto all'UAAR e che sei un "mezzo
ateo"...
ma che cazzo stai addì ?
io sono lo zoccolo duro dell'ateismo e non mi son
mai sognato di iscrivermi all'UAAR per la semplice
ragione che è legato a doppio filo al PCI e io
per principio sono a-politico
Ok :)
se sei a-politico stiamo nella stessa barca ;)
Luca Fraggante
2008-10-10 12:16:56 UTC
Post by .Emc2
io sono lo zoccolo duro dell'ateismo e non mi son
mai sognato di iscrivermi all'UAAR per la semplice
ragione che è legato a doppio filo al PCI e io
per principio sono a-politico
Forse avevamo accennato il discorso in passato. Non credo sia come dici,
o forse è vero per alcuni circoli locali o alcuni soci.

Se dovessi esprimere un'opinione sulle tendenze politiche dei singoli
soci di cui sono a conoscenza (tramite mailing list), rapportate alla
società, direi che ci sono molti simpatizzanti radicali e pochissimi
simpatizzanti di destra.

Se però raffronti questi dati con il peso dato dalla politica alla
religione, scopri che la cosa è abbastanza normale: quelli che cercano
di fare qualcosa per la laicità sono proprio comunisti e radicali
(almeno nel recente passato... ora chissà).

L'UAAR non disdegnerebbe aiuti da nessuna parte politica, ma come ho
accennato, a Roma non riesce a trovare una stanza per la sede nazionale
a prezzi agevolati o ad uso gratuito, cosa che viene concessa a decine
di associazioni molto più piccole e di carattere solo locale. Sono anni
che ci prova, non da quando c'è Alemanno.

Senti un'opinione politica sull'UAAR ("sta cosa qua"):

Meno male che qualcuno ci considera potenti e influenti...

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
.Emc2
2008-10-11 05:41:21 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by .Emc2
io sono lo zoccolo duro dell'ateismo e non mi son
mai sognato di iscrivermi all'UAAR per la semplice
ragione che è legato a doppio filo al PCI e io
per principio sono a-politico
Forse avevamo accennato il discorso in passato. Non credo sia come dici,
o forse è vero per alcuni circoli locali o alcuni soci.
Se dovessi esprimere un'opinione sulle tendenze politiche dei singoli
soci di cui sono a conoscenza (tramite mailing list), rapportate alla
società, direi che ci sono molti simpatizzanti radicali e pochissimi
simpatizzanti di destra.
fa lo stesso, io sono a-politico e non sopporto che si mischi
la politica con qualsiasi cosa
Post by Luca Fraggante
Se però raffronti questi dati con il peso dato dalla politica alla
religione, scopri che la cosa è abbastanza normale: quelli che cercano
di fare qualcosa per la laicità sono proprio comunisti e radicali
(almeno nel recente passato... ora chissà).
Capezzone docet
Post by Luca Fraggante
L'UAAR non disdegnerebbe aiuti da nessuna parte politica, ma come ho
accennato, a Roma non riesce a trovare una stanza per la sede nazionale
a prezzi agevolati o ad uso gratuito, cosa che viene concessa a decine
di associazioni molto più piccole e di carattere solo locale. Sono anni
che ci prova, non da quando c'è Alemanno.
A Padova c'è, ma poi fanno le loro campagne alle feste dell'Unità
mescolando bandiere rosse a bandiere gialle
Post by Luca Fraggante
http://youtu.be/WoVc2ShWPTE
Meno male che qualcuno ci considera potenti e influenti...
quando ci si aggrega ad una fazione politica, di dx o di sx,
si corre il rischio di perdere i propri connotati e si viene
accomunati a quello schieramento prima ancora che essere
riconosciuti portatori di un pensiero laico che con la
politica non dovrebbe spartire un bel niente
Luca Fraggante
2008-10-11 10:15:25 UTC
Post by .Emc2
Post by Luca Fraggante
Se dovessi esprimere un'opinione sulle tendenze politiche dei
singoli soci di cui sono a conoscenza (tramite mailing list),
rapportate alla società, direi che ci sono molti simpatizzanti
radicali e pochissimi simpatizzanti di destra.
fa lo stesso, io sono a-politico e non sopporto che si mischi
la politica con qualsiasi cosa
Sai meglio di me che la politica è presente in qualsiasi cosa che abbia
a che fare con la società ed il bene comune.
Se intendi parlare dei soli partiti posso capirti, ma non credo l'UAAR
dovrebbe essere troppo schizzinosa: se trovi qualcuno che ti appoggia in
modo lecito e moralmente accettabile, appoggiati, dico io.

Radicali e comunisti hanno visioni politiche estremamente diverse tra
loro, ma sulla laicità hanno visioni abbastanza simili. Sicuramente non
vedrai l'UAAR legata a manifestazioni di Forza Italia, ma i motivi sono
evidenti anche nel video che avevo linkato.
Post by .Emc2
Post by Luca Fraggante
Se però raffronti questi dati con il peso dato dalla politica alla
religione, scopri che la cosa è abbastanza normale: quelli che
cercano di fare qualcosa per la laicità sono proprio comunisti e
radicali (almeno nel recente passato... ora chissà).
Capezzone docet
L'uomo con un "pe" di troppo (citazione non mia di cui non ricordo
l'autore).

L'hai sentito parlare di laicità recentemente? Un po' di sospetti su
quel che poteva essere il suo futuro sono venuti a qualcuno quando
Capezzone era ancora nei radicali, verso la fine, e nel suo sito
appena aperto non aveva rimandi alla laicità tra i punti d'azione
indicati.
Post by .Emc2
Post by Luca Fraggante
L'UAAR non disdegnerebbe aiuti da nessuna parte politica, ma come
ho accennato, a Roma non riesce a trovare una stanza per la sede
nazionale a prezzi agevolati o ad uso gratuito, cosa che viene
concessa a decine di associazioni molto più piccole e di carattere
solo locale. Sono anni che ci prova, non da quando c'è Alemanno.
A Padova c'è, ma poi fanno le loro campagne alle feste dell'Unità
mescolando bandiere rosse a bandiere gialle
Scusa, ma penso che facciano benissimo, come ti ho spiegato.

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
.Emc2
2008-10-12 05:00:33 UTC
Post by .Emc2
A Padova c'è, ma poi fanno le loro campagne alle feste dell'Unità
mescolando bandiere rosse a bandiere gialle
buon per loro, a me non mi vedranno mai

Luca Fraggante
2008-10-10 12:16:56 UTC
Post by xxx
Sai allo stato attuale, essendo ancora in una fase cattolico->ateo
non ben finita e definita (un pò difficile cancellare anni e anni
di baggianate in 4 e 4 (=) 8.), avrei voluto testare la cosa :P
peccato però che costa 25€.. Un conto è iscriversi convinto, un
altro è per testare solamente e vedere se ne vale la pena.. Però fa
niente.. Col tempo.. :P
Ascolta, l'iscrizione non ti dà molto di più del fatto di non
iscriverti. Dà solo un po' di soldi all'UAAR che li utilizza per i fini
sociali, e questo non è poco.

Il sito, il forum, ed i successi legali o sociali ottenuti ricadono
comunque (e sono a disposizione) su tutti.

La rivista non è niente di che e non è fondamentale (per chi segue
l'attività UAAR sul sito o sulla newsletter). Serve giusto come organo
ufficiale di contato con i soci che non hanno Internet e che non
frequentano i circoli locali, in modo da tenerli informati
sull'attività.
Se vuoi vedere tutti i numeri della rivista, li trovi sul sito:
http://www.uaar.it/uaar/ateo/ e http://www.uaar.it/uaar/ateo/archivio/

La mailing list riservata ai soci è di tipo organizzativo, e i risultati
delle discussioni arrivano comunque al pubblico tramite i canali detti.
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
L'essere non credente è diverso dall'essere socio UAAR. Mi risulta
ci siano soci credenti, tra l'altro. Per essere socio UAAR c'è una
quota di iscrizione. Mi sembra semplice, sensato, e comprensibile.
:D soci credenti? E che ci fanno? La spina nel fianco? :P
vabbè ho capito.. se un giorno mi voglio iscrivere pago :P
Non è detto che un credente "moderato" non possa condividere gli scopi
sociali dell'UAAR, anche se una persona strettamente cattolica IMO non
si iscriverebbe.

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
xxx
2008-10-10 12:31:37 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
Sai allo stato attuale, essendo ancora in una fase cattolico->ateo
non ben finita e definita (un pò difficile cancellare anni e anni
di baggianate in 4 e 4 (=) 8.), avrei voluto testare la cosa :P
peccato però che costa 25€.. Un conto è iscriversi convinto, un
altro è per testare solamente e vedere se ne vale la pena.. Però fa
niente.. Col tempo.. :P
Ascolta, l'iscrizione non ti dà molto di più del fatto di non
iscriverti. Dà solo un po' di soldi all'UAAR che li utilizza per i fini
sociali, e questo non è poco.
Il sito, il forum, ed i successi legali o sociali ottenuti ricadono
comunque (e sono a disposizione) su tutti.
La rivista non è niente di che e non è fondamentale (per chi segue
l'attività UAAR sul sito o sulla newsletter). Serve giusto come organo
ufficiale di contato con i soci che non hanno Internet e che non
frequentano i circoli locali, in modo da tenerli informati
sull'attività.
http://www.uaar.it/uaar/ateo/ e http://www.uaar.it/uaar/ateo/archivio/
:P
dai che quando sarò più convinto mi iscrivo ;)
giusto per sapere, in genere che battaglie legali fanno/hanno fatto? Che
vittorie hanno avuto?
Ma chi è iscritto ha qualche diritto a che ne so proporre qualcosa? Per
esempio prima che ci si potesse sbattezzare, se uno proponeva "perchè
non sbattezzarci?", l'associazione lo prendeva in considerazione?
L'avrebbe potuto fare?
Post by Luca Fraggante
La mailing list riservata ai soci è di tipo organizzativo, e i risultati
delle discussioni arrivano comunque al pubblico tramite i canali detti.
Post by xxx
Post by Luca Fraggante
L'essere non credente è diverso dall'essere socio UAAR. Mi risulta
ci siano soci credenti, tra l'altro. Per essere socio UAAR c'è una
quota di iscrizione. Mi sembra semplice, sensato, e comprensibile.
:D soci credenti? E che ci fanno? La spina nel fianco? :P
vabbè ho capito.. se un giorno mi voglio iscrivere pago :P
Non è detto che un credente "moderato" non possa condividere gli scopi
sociali dell'UAAR, anche se una persona strettamente cattolica IMO non
si iscriverebbe.
Ciao.
Luca Fraggante
2008-10-10 19:14:15 UTC
Post by xxx
dai che quando sarò più convinto mi iscrivo ;)
giusto per sapere, in genere che battaglie legali fanno/hanno
fatto? Che vittorie hanno avuto?
Trovi molte info sul sito, e lì ti rimando.
Ti indico solo una sezione per partire: http://www.uaar.it/uaar/
Post by xxx
Ma chi è iscritto ha qualche diritto a che ne so proporre qualcosa?
Certo. La mailing list è uno dei mezzi per farlo. Anche il forum viene
monitorato (anche se non lo seguo, devo ammettere). C'è una struttura
eletta democraticamente durante il congresso nazionale a cui partecipano
tutti i soci che lo desiderano (anche per delega), i quali possono anche
candidarsi nei vari organi. Il "capo" è il Segretario, anch'egli eletto
durante un congresso nazionale.

Dai un'occhiata qui, può essere interessante:
http://www.uaar.it/uaar/statuto/
Post by xxx
Per esempio prima che ci si potesse sbattezzare, se uno proponeva
"perchè non sbattezzarci?", l'associazione lo prendeva in
considerazione? L'avrebbe potuto fare?
Non conosco nei dettagli l'origine dello sbattezzo. So che il tutto è
stato fatto grazie ad un socio volontario supportato dall'UAAR per le
questioni burocratiche e legali. È stata un'azione studiata e
concordata, anche se per aprire il caso si è esposta una persona fisica
ben definita (devo ammettere che non so chi sia, neanche di nome).
Penso che appena ricevuta la prima lettera di richiesta di sbattezzo, i
preti si siano fatti quattro risate. In seguito hanno dovuto adeguarsi,
e hanno rosicato un sacco, te lo garantisco.

Si può fare ancora di più in merito allo sbattezzo, e penso si stia
studiando anche altro. Ad esempio recentemente è stato applicato il
primo sbattezzo di una persona che non conosceva la parrocchia dove era
stata battezzata, ma che era stata cresimata ed aveva i dettagli. Qui
sono invece preparato, si trattta di Chiara Lalli:
http://bioetiche.blogspot.com/search/label/Sbattezzo

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
xxx
2008-10-10 21:39:33 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
dai che quando sarò più convinto mi iscrivo ;)
giusto per sapere, in genere che battaglie legali fanno/hanno
fatto? Che vittorie hanno avuto?
Trovi molte info sul sito, e lì ti rimando.
Ti indico solo una sezione per partire: http://www.uaar.it/uaar/
Post by xxx
Ma chi è iscritto ha qualche diritto a che ne so proporre qualcosa?
Certo. La mailing list è uno dei mezzi per farlo. Anche il forum viene
monitorato (anche se non lo seguo, devo ammettere). C'è una struttura
eletta democraticamente durante il congresso nazionale a cui partecipano
tutti i soci che lo desiderano (anche per delega), i quali possono anche
candidarsi nei vari organi. Il "capo" è il Segretario, anch'egli eletto
durante un congresso nazionale.
http://www.uaar.it/uaar/statuto/
Post by xxx
Per esempio prima che ci si potesse sbattezzare, se uno proponeva
"perchè non sbattezzarci?", l'associazione lo prendeva in
considerazione? L'avrebbe potuto fare?
Non conosco nei dettagli l'origine dello sbattezzo. So che il tutto è
stato fatto grazie ad un socio volontario supportato dall'UAAR per le
questioni burocratiche e legali. È stata un'azione studiata e
concordata, anche se per aprire il caso si è esposta una persona fisica
ben definita (devo ammettere che non so chi sia, neanche di nome).
Penso che appena ricevuta la prima lettera di richiesta di sbattezzo, i
preti si siano fatti quattro risate. In seguito hanno dovuto adeguarsi,
e hanno rosicato un sacco, te lo garantisco.
Si può fare ancora di più in merito allo sbattezzo, e penso si stia
studiando anche altro. Ad esempio recentemente è stato applicato il
primo sbattezzo di una persona che non conosceva la parrocchia dove era
stata battezzata, ma che era stata cresimata ed aveva i dettagli. Qui
http://bioetiche.blogspot.com/search/label/Sbattezzo
Ciao.
Dai ora posso giustificare quella quota d'iscrizione ;) pensavo che chi
si iscriveva e pagava poi finiva là, cioè non aveva più diritto a fare
niente ed ad essere passivo e comunque da come ho capito si può
"partecipare" anche se indirettamente, mediante il forum che comunque è
gratuito. Poi c'è questa gerarchia democratica da come mi dici e da
quella somma si dovrebbe scorporare comunque l'abbonamento alla rivista,
che quindi porta l'utile netto all'anno a niente praticamente.
Ora ho il quadro già più completo :)
(che ci vuoi fa... i preti mi hanno abituato a fare offerte e offertine
(quindi a dare) e non ricevere mai niente)

Ciao. ;)
Luca Fraggante
2008-10-11 10:15:25 UTC
Post by xxx
pensavo che chi
si iscriveva e pagava poi finiva là, cioè non aveva più diritto a
fare niente ed ad essere passivo e comunque da come ho capito si
può "partecipare" anche se indirettamente, mediante il forum che
comunque è gratuito.
Non ho sottolineato bene il fatto che puoi anche candidarti per il
Comitato di coordinamento o come segretario o ad altri ruoli.
Considera che non c'è tantissima gente che lo fa, perché queste persone
poi si devono dare da fare, ed avresti buone possibilità di venire
eletto, specie se ti sei fatto vedere attivo nei circoli locali o in
altre attività UAAR.
Ad esempio, per sostituire il buon Villella come Segretario si era
presentato il solo Carcano (un solo candidato ma forse il migliore,
IMHO).
A livello locale puoi fondare un circolo, se non c'è, o partecipare alle
attività di quelli esistenti (sono su base provinciale, di solito).

In sostanza, le possibilità di partecipare attivamente sono molto
maggiori delle disponibilità effettivamente esistenti.
Io stesso sono abbastanza inattivo, e un po' mi dispiace. Non ho circoli
vicini. Mi limito a qualche email sulla mailinglist o a dare la giusta
immagine dell'UAAR sui NG o alle persone che ne parlano in modo non
corretto.

Ecco un video di una piccola manifestazione di protesta organizzata da
un circolo UAAR e capeggiato come portavoce dall'ex segretario Villella:


Il vescovo è questo personaggio qua, per la cronaca:
http://mattinopadova.repubblica.it/multimedia/home/2425821

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
xxx
2008-10-11 12:02:34 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by xxx
pensavo che chi
si iscriveva e pagava poi finiva là, cioè non aveva più diritto a
fare niente ed ad essere passivo e comunque da come ho capito si
può "partecipare" anche se indirettamente, mediante il forum che
comunque è gratuito.
Non ho sottolineato bene il fatto che puoi anche candidarti per il
Comitato di coordinamento o come segretario o ad altri ruoli.
Considera che non c'è tantissima gente che lo fa, perché queste persone
poi si devono dare da fare, ed avresti buone possibilità di venire
eletto, specie se ti sei fatto vedere attivo nei circoli locali o in
altre attività UAAR.
Ad esempio, per sostituire il buon Villella come Segretario si era
presentato il solo Carcano (un solo candidato ma forse il migliore,
IMHO).
A livello locale puoi fondare un circolo, se non c'è, o partecipare alle
attività di quelli esistenti (sono su base provinciale, di solito).
In sostanza, le possibilità di partecipare attivamente sono molto
maggiori delle disponibilità effettivamente esistenti.
Io stesso sono abbastanza inattivo, e un po' mi dispiace. Non ho circoli
vicini. Mi limito a qualche email sulla mailinglist o a dare la giusta
immagine dell'UAAR sui NG o alle persone che ne parlano in modo non
corretto.
Ecco un video di una piccola manifestazione di protesta organizzata da
http://youtu.be/ZDe_E_qQpT4
Ahahah ottimo il video! Quel pezzo di ignorante di un vescovo invece di
accettare il dibattito, dice "io sono troppo forte per voi"..
A PAROLE SO TUTTI BRAVI!!! Come siamo rovinati... Anzi.. Come stanno
rovinati... A pensare che prima ci stavo anke io in quella mischia di
ignoranti.. brr...

Scusate ma perchè si dice che ci sono più cristiani che atei????
Facciamo 2 conti... popolazione mondiale: 6 miliardi. Cristiani (diviso
in 100 tipi diversi): 1 miliardo e rotti; mussulmani: 1 miliardo circa;
vogliamo dare le altre religioni 1-2 miliardi?? Ok.. Resto? 2 miliardi
di atei (minimo)!!! A me sa tanto che se "atei" fosse una religione
sarebbe quella predominante sulla Terra.. Correggetemi se sbaglio...

Comunque grazie per i suggerimenti! ;)
Post by Luca Fraggante
http://mattinopadova.repubblica.it/multimedia/home/2425821
Ciao.
+» Elfo_grigio «+
2008-10-11 12:31:59 UTC
Post by xxx
Scusate ma perchè si dice che ci sono più cristiani che atei????
Facciamo 2 conti... popolazione mondiale: 6 miliardi. Cristiani (diviso
in 100 tipi diversi): 1 miliardo e rotti; mussulmani: 1 miliardo circa;
vogliamo dare le altre religioni 1-2 miliardi?? Ok.. Resto? 2 miliardi
di atei (minimo)!!! A me sa tanto che se "atei" fosse una religione
sarebbe quella predominante sulla Terra.. Correggetemi se sbaglio...
http://www.adherents.com/Religions_By_Adherents.html

Namarië

--

±_Eledh_±

http://unsaltonelbuio.blogspot.com/

"I don't believe in your institutions
I did what you wanted me to
like cancer in the system
I've got a little suprise for you"

NIN-Burn
xxx
2008-10-11 12:56:44 UTC
Post by +» Elfo_grigio «+
Post by xxx
Scusate ma perchè si dice che ci sono più cristiani che atei????
Facciamo 2 conti... popolazione mondiale: 6 miliardi. Cristiani (diviso
in 100 tipi diversi): 1 miliardo e rotti; mussulmani: 1 miliardo circa;
vogliamo dare le altre religioni 1-2 miliardi?? Ok.. Resto? 2 miliardi
di atei (minimo)!!! A me sa tanto che se "atei" fosse una religione
sarebbe quella predominante sulla Terra.. Correggetemi se sbaglio...
http://www.adherents.com/Religions_By_Adherents.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Religioni_maggiori
;)
Ho dimezzato i cristiani, sottovalutando che il cattolicesimo è 1,1
miliardi poi tutti gli altri cristiani sono un altro miliardo.. Comunque
atei e cattolici sono lo stesso numero nel mondo. Il sunnismo (islam)
sono 1,4 miliardi! Più dei cattolici :P
Post by +» Elfo_grigio «+
Namarië
--
±_Eledh_±
http://unsaltonelbuio.blogspot.com/
"I don't believe in your institutions
I did what you wanted me to
like cancer in the system
I've got a little suprise for you"
NIN-Burn
.Emc2
2008-10-11 05:45:24 UTC
Post by xxx
Sai allo stato attuale, essendo ancora in una fase cattolico->ateo
non ben finita e definita (un pò difficile cancellare anni e anni
di baggianate in 4 e 4 (=) 8.), avrei voluto testare la cosa :P
peccato però che costa 25€.. Un conto è iscriversi convinto, un
altro è per testare solamente e vedere se ne vale la pena.. Però fa
niente.. Col tempo.. :P
per uscire dalle tue incertezze non serve a nulla iscriversi
all'UAAR o a qualsiasi altra associzione, serve invece leggere
qualche libercolo sull'argomento comincinciando magari
sui commenti alle stupidaggini scritte sui vangeli così da
incominciare a rendersi conto su quali siano le ridicole fondamenta
di quella superstizione malefica
xxx
2008-10-11 12:31:40 UTC
Post by .Emc2
Post by xxx
Sai allo stato attuale, essendo ancora in una fase cattolico->ateo
non ben finita e definita (un pò difficile cancellare anni e anni
di baggianate in 4 e 4 (=) 8.), avrei voluto testare la cosa :P
peccato però che costa 25€.. Un conto è iscriversi convinto, un
altro è per testare solamente e vedere se ne vale la pena.. Però fa
niente.. Col tempo.. :P
per uscire dalle tue incertezze non serve a nulla iscriversi
all'UAAR o a qualsiasi altra associzione, serve invece leggere
qualche libercolo sull'argomento comincinciando magari
sui commenti alle stupidaggini scritte sui vangeli così da
incominciare a rendersi conto su quali siano le ridicole fondamenta
di quella superstizione malefica
Ma guarda, se dovessi leggere i commenti sui vangeli, dovrei leggere
anche i commenti sui "vangeli" di tutte le altre religioni. Penso che un
ateo dovrebbe avere una cultura generale il più ampia possibile.
Comunque non ti do torto. Siamo in un paese fortemente cattolico, quindi
giusto partire prima da lì (io già ho regalato la bibbia che compraii e
un libro chiamato "pregate pregate pregate" che era una raccolta di
preghiere-cazzate e di altre cazzate sempre sullo stesso argomento:
cazzate :P)
.Emc2
2008-10-10 06:32:10 UTC
Post by xxx
Forse non ci siamo capiti. Io sto contestando il fatto che per
iscriversi devo pagare. E' lo stesso con la chiesa (solo che non ti
obbliga). Vai in chiesa e durante la messa fai la tua offerta. Oppure
quando prendi un sacramento. Il prete non ti obbliga, ma chi non dà
qualcosa al prete?? L'UAAR invece se mi volessi iscrivere, mi chiede una
quota d'iscrizione -.-
c'è qualcosa che non quadra, o hai 15 anni e quindi
non hai alcuna esperienza di vita, oppure non ti sei mai
iscritto ad alcuna associazione



prova a morire poi vedrai se puoi evitare i costi di iscrizione
all'associazione dei cadaveri
xxx
2008-10-10 07:55:04 UTC
Post by .Emc2
Post by xxx
Forse non ci siamo capiti. Io sto contestando il fatto che per
iscriversi devo pagare. E' lo stesso con la chiesa (solo che non ti
obbliga). Vai in chiesa e durante la messa fai la tua offerta. Oppure
quando prendi un sacramento. Il prete non ti obbliga, ma chi non dà
qualcosa al prete?? L'UAAR invece se mi volessi iscrivere, mi chiede una
quota d'iscrizione -.-
c'è qualcosa che non quadra, o hai 15 anni e quindi
non hai alcuna esperienza di vita, oppure non ti sei mai
iscritto ad alcuna associazione
Non ho mai fatto parte di un'associazione ad oggi (se vogliamo escludere
quell'associazione per delinquere che è la chiesa (ti narcotizza e poi
con calma uccide l'intelletto!!))
Post by .Emc2
prova a morire poi vedrai se puoi evitare i costi di iscrizione
all'associazione dei cadaveri
.Emc2
2008-10-09 05:22:34 UTC
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
ma che cazzo stai dicendo ?

La UAAR mica ti obbliga a iscriverti o a comprare la sua rivista
xxx
2008-10-09 08:03:16 UTC
Post by .Emc2
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
ma che cazzo stai dicendo ?
La UAAR mica ti obbliga a iscriverti o a comprare la sua rivista
Lo so che non mi obbliga.. Ma per me è sbagliato il principio di
chiedere denaro per entrare in un'associazione atea. E' come dire che io
per diventare cristiano devo pagare.. Che cazzata è?
E' per fare soldi allora? Se si deve dubitare di tutto allora dubito
anche dell'UAAR...
.Emc2
2008-10-09 08:27:26 UTC
Post by xxx
Post by .Emc2
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
ma che cazzo stai dicendo ?
La UAAR mica ti obbliga a iscriverti o a comprare la sua rivista
Lo so che non mi obbliga.. Ma per me è sbagliato il principio di
chiedere denaro per entrare in un'associazione atea.
qualsiasi club o associazione prevede la quota di
iscrizione , persino quella degli scacchi
Post by xxx
E' come dire che io
per diventare cristiano devo pagare.. Che cazzata è?
la cazzata è che si paga per il battesimo, la cresima, la comunione,
il matrimonio e il funerale

non ti basta ?
Post by xxx
E' per fare soldi allora? Se si deve dubitare di tutto allora dubito
anche dell'UAAR...
dubitare è lecito, però non puoi non pagare le tasse
per non dar soldi ai preti
xxx
2008-10-09 09:02:15 UTC
Post by .Emc2
Post by xxx
Post by .Emc2
Post by xxx
[OT]
PS: Anche gli atei però non scherzano! UAAR prende soldi dalle
iscrizioni e dalla vendita di riviste (l'ateo)..
E' proprio vero che ai soldi non ci rinuncia mai nessuno.. Blah!
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/
[/OT]
ma che cazzo stai dicendo ?
La UAAR mica ti obbliga a iscriverti o a comprare la sua rivista
Lo so che non mi obbliga.. Ma per me è sbagliato il principio di
chiedere denaro per entrare in un'associazione atea.
qualsiasi club o associazione prevede la quota di
iscrizione , persino quella degli scacchi
Guarda che ti stai sbagliando! Non è una quota d'iscrizione! Quella
cifra va pagata ogni anno. E' differente!
"L’iscrizione è per anno solare (cioè scade il 31 dicembre)"
http://www.uaar.it/uaar/adesione/iscrizione/

Tecnicamente io essendo studente potrei pagare anche solo 17€, ma
figurati 8€ all'anno che cavolo me ne faccio :D

Vedendo poi il bilancio del 2007, quote d'iscrizione ammontano a circa
70000€ e i contributi da singoli a più di 4000€! Non sono andati così
male penso! (e si so fatti anche più di 400€ dalla vendita di libri -.-
e hanno avuto anche un piccolo utile :P)
Post by .Emc2
Post by xxx
E' come dire che io
per diventare cristiano devo pagare.. Che cazzata è?
la cazzata è che si paga per il battesimo, la cresima, la comunione,
il matrimonio e il funerale
non ti basta ?
Guarda che non si paga.. E' la gente che è tonta e per una comunione va
a mettere 50-100-... euro a fine celebrazione in mano al prete.. La
chiesa va avanti perchè la gente è tonta.. Fa offerte (di sua volontà)
dà l'8x1000 (di sua volontà) ecc... Alla fine anche se la chiesa verrà
incriminata un giorno, potrà sempre dire "noi non abbiamo obbligato
nessuno, siete voi che ce li avete offerti" e lo mette in c**o a tutti!
Post by .Emc2
Post by xxx
E' per fare soldi allora? Se si deve dubitare di tutto allora dubito
anche dell'UAAR...
dubitare è lecito, però non puoi non pagare le tasse
per non dar soldi ai preti
Luca Fraggante
2008-10-08 19:20:15 UTC
Post by .Emc2
E' giunta l'ora di incazzarsi oppure no? Ogni anno oltre 6.000
(seimila) milioni di euro vengono regalati - re-ga-la-ti - dallo
Stato Italiano allo Stato Vaticano, cioè ai preti. In cambio di
cosa? di niente. Ogni anno il signor Joseph Ratzinger e la sua
cricca di uomini in gonna, pizzi e merletti si mettono in tasca -
grazie al furbesco meccanismo dell'8x1000 - la bellezza di 6.000
milioni di euro, nostri.
Preciso solo che l'8x1000 succhia "solo" 1 miliardo circa di Euro. Il
resto ha altre provenienze.

Ciao.
--
Luca Fraggante (peccato che non possiate sentirne il profumo...)
http://snipr.com/2i33z
E come sempre a Dio piacendo, arrivederci a domani... Salve. (Cit.)
.Emc2
2008-10-09 07:00:10 UTC
Post by Luca Fraggante
Post by .Emc2
E' giunta l'ora di incazzarsi oppure no? Ogni anno oltre 6.000
(seimila) milioni di euro vengono regalati - re-ga-la-ti - dallo
Stato Italiano allo Stato Vaticano, cioè ai preti. In cambio di
cosa? di niente. Ogni anno il signor Joseph Ratzinger e la sua
cricca di uomini in gonna, pizzi e merletti si mettono in tasca -
grazie al furbesco meccanismo dell'8x1000 - la bellezza di 6.000
milioni di euro, nostri.
Preciso solo che l'8x1000 succhia "solo" 1 miliardo circa di Euro. Il
resto ha altre provenienze.
allora aboliamo la chiesa
xxx
2008-10-09 08:04:27 UTC
Post by .Emc2
Post by Luca Fraggante
Post by .Emc2
E' giunta l'ora di incazzarsi oppure no? Ogni anno oltre 6.000
(seimila) milioni di euro vengono regalati - re-ga-la-ti - dallo
Stato Italiano allo Stato Vaticano, cioè ai preti. In cambio di
cosa? di niente. Ogni anno il signor Joseph Ratzinger e la sua
cricca di uomini in gonna, pizzi e merletti si mettono in tasca -
grazie al furbesco meccanismo dell'8x1000 - la bellezza di 6.000
milioni di euro, nostri.
Preciso solo che l'8x1000 succhia "solo" 1 miliardo circa di Euro. Il
resto ha altre provenienze.
allora aboliamo la chiesa
Si può? :D e diamoci una mossa allora.. Che andassero a zappare pure
loro.. :P